Pulcini 2009 Mister Brillo, torneo Santa Maria degli Angeli: Boys Angelana – Santa Sabina

Esordio nella 4° edizione del torneo di S. Maria degli Angeli per i ragazzi “sobri” di Mr Brillo. Intimiditi dalle note dell’inno della Champions League che riecheggiano nell’arena, prendono il via gli shoot-out, novità assoluta per noi, e infatti, da perfetti profani, ce li aggiudichiamo per 5-4 senza neanche averne troppo chiaro il meccanismo. Va beh, impareremo…
Ha inizio la partita. La bilancia è immobile. Le due compagini hanno quasi timore di attaccare per non scoprire i fianchi e subire i colpi degli avversari e così, senza troppe emozioni finisce la prima frazione con i portieri inoperosi. Da registrare solo qualche timido tentativo da fuori area ma anche fuori dagli specchi della porta. 0-0 allo scadere della prima frazione.
Dopo le raccomandazioni di Mr B, tocca ai nuovi entrati cercare di scardinare la rocciosa difesa giallo-rossa. Il secondo tempo è la fotocopia del primo. I ragazzi continuano a studiarsi. L’equilibro di queste due squadre è incredibile. Solo verso la fine di questa ripresa, è bravo il #9 angelano a liberarsi in area e a superare con un tocco sotto il nostro Tommaso in uscita. Un plauso però va a entrambi per i bei gesti tecnici sfoggiati. 1-0 ed è di nuovo l’ora delle raccomandazioni.
Quando si rientra in campo, lo facciamo con la convinzione di riuscire a rimetterci in piedi dopo il colpo subito. La lotta è tutta e solo a centrocampo. Ma a 8 minuti dal termine, è il “senza numero” rosso-blu a controllare di ginocchio destro sulla trequarti e a scagliare di sinistro al volo la palla sotto la traversa dove il portiere locale non può arrivare. Gioco, partita, incontro.

Al di là del risultato (che a quest’età poco conta) volevo sottolineare che era dall’inizio di questa stagione che non mi capitava di assistere ad una partita di questi ragazzini guidati da Mr Fabrizio e, da esterno, mi sento di elogiare tutto il gruppo (nessuno escluso) per i miglioramenti ottenuti sia a livello tecnico personale, sia a livello di divertimento di gioco e sia dal punto di vista della grinta messa in campo a dimostrazione che la squadra sta crescendo unita e che, lavorando in team, ci si possono togliere belle soddisfazioni. Grazie ragazzi, ci avete fatto davvero passare 1 ora e mezzo piacevole.
1-2-3 Santa Sabina Olè!

Primi Calci 2010 Mister Tassini Torneo di Spoleto: Santa Sabina-Sant’Eraclio-Superga 48-Ducato

Prima trasferta del torneo nel campo della Ducato di Spoleto per i pirati capitanati dal nostro Giacomo “Jack Sparrow” Tassini che si confronteranno con 3 squadre pari età. Si inizia a giocare contro la squadra del S. Eraclio. Tutti in campo e si parte! Inizialmente i ragazzi si studiano ma è il nostro Borgo ad aprire le danze per l’1-0 iniziale. I nostri avversari riprendono velocemente il gioco provando ad agganciare il pari ma è lo stesso Borgo a raddoppiare e portare i nostri sul 2-0. Il Sant’Eraclio prova a impostare il gioco con impegno e si fa pericoloso un paio di volte con due belle azioni, MA ATTENZIONE! Zebeli tutto solo davanti alla porta avversaria ed è 3-0! Si riparte e poco dopo ancora Zebeli, non contento, segna la doppietta. Sarà contento il papà che, sempre composto a bordo campo, lo sostiene. Tempo di mettere la palla al centro e “Bum bum” Benda non poteva certo mancare all’appello. Finisce così il primo tempo con un 5-0 che porta i ragazzi stanchi ma soddisfatti dal loro condottiero. Il secondo tempo da spazio al resto della ciurma che era in attesa di giocare a bordo campo. Fischio di inizio e si parte con le squadre in equilibrio e ad un quarto d’ora dalla fine Dido segna il gol del vantaggio. I nostri avversari non si scompongono, restano lucidi e attenti e poco dopo riescono ad acciuffare il pari, ma è Ale DiDo a voler dimostrare che lui ha il piede vellutato ed ecco che segna il vantaggio del meritato 2-1. Finisce anche il secondo tempo e la ciurma torna sulla barca di capitan Jack: consigli tecnici e riflessioni sulle scelte fatte. La seconda partita ci vede impegnati con la difficile squadra della Superga 48 che ci ha fatti sudare su ogni pallone e ha costretto agli straordinari anche il nostro #1 Spiderman che si è esibito in un paio di voli da stuntman salvando il risultato. I nostri complimenti vanno anche al loro #1 bravo a tenere testa alle conclusioni dei nostri portacolori ma che niente ha potuto sulla splendida azione iniziata con l’assist di Andry Trottini e conclusa con tiro al volo del “gigante buono” Minestrini, 1-0! Finsce un primo tempo molto bello che ha visto i ragazzi delle due compagini esprimere un ottimo calcio. Il secondo tempo scivola via con le squadre che combattono su tutte le palle quando, quasi a fine tempo, il nostro #1 Bello, prova a scavalcare la prima linea degli avversari ma il passaggio viene intercettato e a niente è servito il bel tuffo nel disperato tentativo di riprendere il pallone che entrava nella rete. Il gesto di Capitan Jack ad infondere la giusta fiducia dicendogli che non era niente, che infondo era solo un goal preso, ha illuminato il campo di una luce che, da sola, valeva il prezzo del biglietto. Sarai un gran padre Tasso! Torniamo al campo dove l’arbitro fischia la fine che decreta il pareggio per 1-1. La terza partita vede la nostra squadra contro la Ducato “Verde”. Gara scoppiettante per i nostri ragazzi che con una Doppietta di BUM BUM Benda e un gol di Zebeli porta il primo tempo a compimento in men che non si dica. Coccole e consigli a bordo campo dal nostro capitano Jack e via si riparte per il secondo tempo che mostra il percorso fatto dai nostri ragazzi nel gioco del calcio. Sblocca il risultato Dido, poi una botta sotto l’incrocio di Dattolo piede d’oro ci porta sul 2-0. Solita “mina” da fuori di Mine che segna il 3-0, ma poteva il suo compagno di scorribande Dido essere da meno? Eh no! Infatti bomba su punizione da centrocampo e tutti sotto la doccia. Il risultato? Chiedetelo ai nostri ragazzi… Vi risponderanno “Boh!” Ma mi sono divertito un mondo.

1-2-3 Santa Sabina Olè!

Esordienti 2006 Mister Caristi Torneo di Campitello: Narnia – Santa Sabina

Iniziamo la gara con il piglio giusto contro un avversario di assoluto valore, la gara è molto equilibrata, ma un grandissimo goal di Miccioni da fuori area (anche l’arbitro si complimenta con il nostro centrocampista) ci porta in vantaggio, risultato che, lottando molto a centrocampo, portiamo fino alla fine del primo tempo. Il secondo tempo è un’altra storia con gli avversari che saltando con lanci lunghi il centrocampo infilano in velocità la nostra difesa. La squadra e’ molto lunga tra i reparti e questo permette agli avversari di ribaltare la gara con un goal da fuori area. I nostri sbandano ripetutamente e alla fine, dopo un’ incursione in area, Bardani poggia le mano sulla spalla dell’avversario: rigore trasformato dagli avversari e purtroppo per noi sarà il goal partita che chiuderà l’incontro. Forse, per quello che si e’ visto in campo poteva starci anche un pari, ma si sà che il calcio è questo e bisogna accettarlo, quindi complimenti ai nostri avversari.

Complimenti ai nostri ragazzi che nonostante le 4 partite in 6 giorni e l’alternanza tra calcio 11 e calcio a 9 riescono sempre a mantenere lo stile di gioco che li ha contraddistinti durante tutto il loro percorso di crescita. Prossimo impegno sempre a Campitello lunedì 13 maggio.

Primi calci 2010 mister Falcinelli Torneo di Tavernelle: Santa Sabina – Monte Malbe

Torniamo in quel di Tavernelle, impegnati in un’altra partita di questo torneo.
L’avversario di oggi è il Chievo Verona… No scusate, è il Monte Malbe, che gioca con le maglie del Chievo Verona, con il simbolo del Chievo Verona.
Viste le numerose assenze registrate vengono a darci una mano “Ludo” Zonno, accompagnato dalla mitica accompagnaTora Simona, “Ringo”, Lolli e lo “Spaccio”, ormai sempre più un abitué, forse nostalgico di tutte le battaglie passate insieme ai suoi vecchi compagni di squadra invernali.
E ci sarà da battagliare anche oggi, viste le condizioni del campo, e visto che affronteremo una compagine giovanile di una squadra di serie A(ormai ex)… A no, scusate ancora, è che con queste maglie fatico a ricordarmi che sono il Monte Malbe e non il Chievo.
Partiamo subito forte e, dopo un paio di tentativi dalla distanza, passiamo meritatamente in vantaggio grazie a “Nico” Chiurulla, a cui questo campo sembra portare fortuna, abile a sfruttare una corta ribattuta del portiere per infilarlo “incredibilmente di sinistro”!
Il primo, interminabile, tempo(20 minuti!) sembra scorrere in totale controllo, quando con un gran tiro di collo esterno i nostri avversari pareggiano, davvero un bel gol.
Abbiamo altre occasioni importanti per tornare in vantaggio, ma la palla non vuole entrare… La prima frazione finisce così, con noi da un lato a rammaricarci per le occasioni sprecate, dall’altro convinti di potercela fare, continuando così nel secondo tempo.
È invece in due minuti subiamo due gol identici, dalla distanza, dallo stesso giocatore e nello stesso angolino.
Non ci perdiamo d’animo e proviamo a recuperarla, la voglia c’è, la grinta pure, proviamo qualche giocata collettiva, proviamo con azioni personali…
Ma oggi è la giornata dei tiri da lontano, e dopo una traversa (da lontano) colpita dal loro solito tiratore scelto, e un palo per noi colpito dallo “Spaccio”, ecco che, da lontano, tornano a segnarci…
Non c’è più tempo…peccato…oggi i ragazzi avrebbero meritato sicuramente qualcosa in più.
Forse stavolta è stata davvero tutta colpa di quel gol a freddo!

TORNEO UNDER 13 FAIR PLAY ELITE. ROMA 4 MAGGIO 2019

Le squadre finaliste, oltre il Santa Sabina sono Roma, Lanciano e Jesina. In attesa di salire in pullman i nostri ragazzi, se pur felici per il traguardo raggiunto, fanno trasparire un po’ di agitazione e paura. Raggiunto lo splendido centro federale Onesti di Roma ci attende una lezione di fair play (comportamenti per tifosi e genitori da tenere durante le partite) con tanto di psicologi, istruttori, oltre che i saluti dei vertici federali. Dopo il pranzo iniziamo la prima partita contro la Roma, i nostri ragazzi spesso guardano le maglie degli avversari che di solito sono abituati a vedere su Sky. L’impatto è forte ma reggiamo molto bene la rapidità e la tecnica dei romanisti. Gli shot-out li perdiamo, nei tre tempi due ne perdiamo per un goal e l’altro lo pareggiamo. Nella gara con il Lanciano andiamo meglio, vincendo gli shot-out, perdendo un tempo per 1-0 e pareggiandone due. Passato il timore iniziale miglioriamo ancora e nell’ultima gara contro la Jesina, squadra vincitrice, ci vede sconfitti solo per una sfortunata deviazione su un tiro sporco degli avversari che spiazza l’incolpevole portiere. Gli altri due tempi li pareggiamo entrambi e gli shot-out li vinciamo.

A prescindere dai risultati, credo che per i nostri ragazzi sia stata un’esperienza sportiva unica che porteranno con loro per tutta la vita. Doveroso elogiare tutti i componenti della rosa in egual misura, per i grandi traguardi raggiunti in questa annata sportiva.

Durante i campionati organizzati dalla federazione Umbra, i nostri ragazzi hanno sfoggiato sempre prestazioni all’altezza, perdendo una sola partita in tutta la stagione, gradino più alto del podio nel torneo di Cesenatico e, ciliegina sulla torta, la partecipazione alle finali di Roma del Torneo Fair Play Elite.

Grazie ragazzi!

Primi Calci 2010 Mister Tassini, torneo San Sepolcro: Santa Sabina – Pistrino San Giustinio

Diario di bordo 06 Maggio anno astrale 2019

Buona la prima per i pirati 2010 di Capitan Jack Sparrow Tassini al torneo di San Sepolcro. Le navi della flotta partite da Santa alle 17:00, sono giunte in perfetto orario al “Buitoni” del Borgo dopo aver solcato praticamente tutti e 7 i mari…superato con un certo stupore (è per noi la prima volta che ci affacciamo in terra toscana) lo scoglio del biglietto di ingresso, i pirati scelgono la tradizionale casacca blau-grana a manica lunga (a pochi km c’è la neve!!!) Oggi si fa sul serio, c’è anche l’arbitro in divisa ufficiale. Wow, che emozione! I pirati hanno voglia di divertirsi e divertirci, in campo ci sono 10 ragazzi pronti a battersi e lottare per difendere i colori della nostra bandiera. Grinta, coraggio e un gioco di squadra da far invidia ai grandi, trovano solo qualche difficoltà di confidenza con il fondo in erba vera. Qui, ai passaggi, bisogna dare più forza e più precisione. L’intelligenza della ciurma e la capacità di adattamento sono i nostri alleati preferiti e il periodo di studio dura ben poco. Ragazzi, oggi davvero non si scherza! Le azioni partono da dietro. Dal portiere che sceglie quasi da veterano a quale compagno servire la palla e in quale settore del campo. Il “sostegno” gioca a testa alta, gli “appoggi” gli vanno incontro, il “vertice” si muove negli spazi liberi. Anche i ragazzi in divisa nera sono ben organizzati ma oggi è il compleanno della mamma del nostro #78 e bisogna impegnarsi perché ha promesso aperitivo per tutti in caso di vittoria … Le aspettative, sono presto rispettate. Chiudiamo i primi 15 minuti in vantaggio per 4 reti a 0. Fuori tutti, dentro gli altri 5. I ragazzi di Pistrino accennano timidamente una reazione ma vengono sempre arginati e chiusi in maniera impeccabile. Cambiano gli addendi, ma il risultato è lo stesso. Anche la seconda frazione è appannaggio del Santa. Ultimi 15 minuti per provare a recuperare lo svantaggio ma oggi i pirati hanno deciso di ubriacarsi e, siccome le promesse vanno mantenute, tanti auguri Lieta e…paga da beve!!! Vorrei chiudere questo capitolo sottolineando ancora una volta l’impegno e la crescita di questo gruppo che sta dando tante soddisfazioni al loro condottiero e ai propri genitori. 1-2-3 Santa Sabina Olè!

 

Pulcini 2009 Mister Tassini: Umbria Junior Cup 2019

“Lo stadio mormorava,

calmo e placido, al passaggio

dei Tassinari, il primo Maggio;

Come esercito marciavan

per raggiunger la frontiera

per far contro il ‘nemico’ una barriera…

Muti passaron quel mattino i Tassi:

tacere bisognava andare avanti.

S’udiva intanto dalle amate sponde,

sommesso e lieve il tripudiar di folle.

Era un presagio dolce e lusinghiero,

lo stadio mormorò:

Non passa lo straniero”

Mi permetto di parafrasare le parole del grande Ermete Giovanni Gaeta che creò i versi della “Leggenda del Piave” e, dal paradiso dei poeti dove ora sicuramente si trova, spero che mi perdoni ma, sinceramente, trovo che niente si adatti meglio all’ennesima strepitosa impresa dei Tassinari2009.

Primo Maggio 2019, i nanerottoli sono reduci dalla bella affermazione al torneo di San Fatucchio e dalle sberle del Pre Berba e sono chiamati a difendere il titolo conquistato l’anno precedente. Il girone in cui siamo inseriti promette spettacolo e battaglie infatti, in nostra compagnia, troviamo Passignano, Jesina e Grifone Monteverde.

Partiamo subito contro i lacustri del Passignano e, vuoi la pressione per la brevità dei tempi, vuoi per il campo che pare una maglietta di cotone ristretta dopo un lavaggio ad alte temperature, capiamo subito che ci sarà da lottare e soffrire. La pressione dei nanerottoli è subito forte ma le uniche conclusioni che troviamo nei primi sette minuti sono due tiracci da fuori area di Scarabattola e Rusciano. Il primo tempo sembra destinato a chiudersi a reti inviolate quando, all’ottavo minuto, Seppoloni inventa (vogliamo essere generosi) un pallonetto al limite dell’area che beffa il portiere avversario portandoci in vantaggio. Un minuto dopo doppiamo il vantaggio con un autogol avversario, propiziato da un velenosissimo cross dalla destra di Montegiove, e chiudiamo la frazione sul 2-0. Il secondo tempo i Tassinari riprendono a spingere forte ma, come nel primo tempo, faticano a trovare gli spazi per pungere. Al sesto minuto un’invenzione di Carlani libera Antognelli davanti alla porta che ci porta sul 3-0 saltando il portiere in uscita. Lo stesso Antognelli, servito questa volta da Sabatino in un’azione quasi fotocopia, mette dentro il 4-0 su cui si fissa il risultato finale.

Per il secondo incontro ci troviamo davanti i romani del Grifone Monteverde, società famosa che conosciamo per i dispiaceri inflitti ad altre annate della nostra società. Il primo tempo si snoda con la solita trama dei nostri rossoblù che attaccano convinti ma limitati dalla ristrettezza degli spazi. Ci provano Antognelli, Rocchetti senza fortuna mentre Montegiove scheggia la traversa da fuori area dopo che Squarta difende la nostra porta con un paio di ottimi interventi. Il secondo tempo segue la stessa trama del primo e non si segnalano occasioni di rilievo con il match che lentamente si spegne verso lo 0-0 finale.

Lo sviluppo dei risultati delle altre partite ci porta al terzo turno eliminatorio contro la Jesina con due risultati buoni su tre per passare ma con l’obbligo della vittoria per ottenere il primo posto del girone. La prima occasione è sui piedi di Cozzetto, anticipato dal portiere in uscita, mentre rischiamo al quinto su un disimpegno sbagliato in difesa. L’ultimo brivido della frazione ce lo regala Seppoloni che, allo scadere, colpisce il palo con un tiro ad incrociare a portiere battuto. Il secondo tempo, giocato con altissima intensità e qualche intemperanza di troppo dalla sezione marchigiana degli spalti, continua con la pressione dei Tassinari che aumenta costantemente. Ci prova subito Cozzetto, servito da Rocchetti, con poca precisione ed un minuto dopo Montegiove, da fuori area, su cui fa buona guardia il portiere. Al sesto minuto facciamo anche danzare la palla sulla riga avversaria un paio di volte (letteralmente) senza riuscire a dare la zampata finale. All’ottavo ci prova di nuovo Cozzetto ma non c’è verso e l’incontro termina sullo 0-0. Passiamo come secondi alle semifinali dove ci attende la Fulginium vincitrice del proprio girone.

La semifinale, anche se il tema di fondo della costante pressione offensiva dei Tassinari rimane, appare più equilibrata con occasioni da entrambe le parti e con Squarta a ricordarci la differenza, fondamentale, che passa tra stare in porta e fare il portiere. Chiuso il primo tempo sullo 0-0 dobbiamo aumentare la spinta dato che, essendo arrivati secondi di girone, in caso di pareggio saremmo fuori. Il portiere avversario parte subito con un paio di interventi decisivi su Schipani e Seppoloni. La Fulginium si fa vedere in ripartenza in un paio di occasioni che ci fanno sudare freddo. Al quinto minuto si risveglia però Alfredo “Pandemonio” Cozzetto che trova il fondo, dopo aver strappato palla sulla trequarti, e serve a rimorchio Andrea “Crazy horse” Sabatino che batte per l’1-0. Da qui in poi i Tassinari, rotti gli argini, dilagano. Schipani sfrutta un tiro di Cozzetto, deviato sul palo, per portarci sul 2-0. La Fulginium prova a riaprire al settimo ma deve fare i conti con la nostra difesa e con Squarta che non hanno alcuna intenzione di cedere. Ed allora, scampato il pericolo, i Tassinari allargano ancora di più la forbice prima con Seppoloni servito a rimorchio, manco a dirlo, da Cozzetto che, allo scadere, riceve il favore indietro da Seppoloni per mettere dentro il definitivo 4-0. Siamo in finale, per la terza edizione consecutiva.

La finale è tutta una sorpresa perché, contro ogni aspettativa dopo il primo incontro, troviamo il Passingano, vincitrice del girone e passata in finale dopo il pareggio contro la Ducato Spoleto. “La peggior combinazione possibile” commenta il mister Tassini e non possiamo dargli torto …

La finale va in scena alle 18:15, per il primo tempo partiamo con Squarta, Scarabattola e Rusciano in difesa, Rocchetti playmaker, Montegiove e Schipani sugli esterni e Cozzetto punta. La prima frazione, come preventivato dal mister, è bloccatissima e, a parte una bella conclusione di Cozzetto nel finale, non ci sono episodi degni di nota. I lacustri del Passignano intendono chiarire che il primo match è stato un episodio mentre i Tassinari provano a far valere, senza grande successo, una certa predominanza territoriale. Si va al riposo sullo 0-0. Il secondo tempo il mister cambia un po’ le carte e ripartiamo con Squarta, Carlani e Rusciano in difesa, Seppoloni a metà campo, Sabatino ed Antognelli sulle fasce e Cozzetto punta. Al primo minuto Cozzetto, sfruttando direttamente al volo la rimessa laterale Sabatino, testa subito gli ottimi riflessi del portiere avversario che si difende in angolo. Dallo stesso angolo, quando già iniziamo a pensare con “angoscia” alla lotteria dei rigori, Carlani irrompe in area e, sfruttando una respinta indecisa del portiere, mette dentro per l’1-0. Esplodono gli spalti liberati da un incubo ma non è finita, c’è ora da reggere il ritorno dei lacustri e, possibilmente, da mettere il risultato al riparo. Il Passignano ci prova subito al terzo con un bel colpo di testa ravvicinato su cui fa ottima guardia Squarta che si ripete al sesto su una velenosa punizione dalla trequarti. Antognelli e Seppoloni al sesto provano ad alleggerire con un paio di ripartenze ma c’è ancora da soffrire sull’ennesima punizione avversaria. Il Passignano prova a risorgere all’ultimo minuto sfruttando l’ennesimo calcio d’angolo in cui si è rifugiata la nostra difesa, Squarta però fa sua in uscita alta la palla del cross su cui arriva il fischio finale che ci regala il secondo titolo UJC consecutivo.

La festa è grande, diversa e forse maggiore rispetto alla scorsa edizione dove, la straripante predominanza rossoblù aveva, in un certo senso, spento il torneo e fatto apparire il tutto fin troppo “semplice”. Il nostro “ministero della difesa” (il “ringhiante” trio Rusciano, Scarabattola e Carlani insieme alla nostra “flying tiger” Squarta) porta a casa la seconda edizione consecutiva senza gol subiti e, complessivamente, eguagliamo il record dei 2005 con due vittorie ed un secondo posto in tre edizioni.

La festa, facinorosi degli spalti, Mister Tassini e Santa Marta martire (peccato per seguirci ti sei persa Juventus-Tottenham semifinale di Champions League) inclusi, è poi continuata con abbondanti libagioni e con lunghe riflessioni sulle dimensioni delle mensole di casa Tassini destinate, temporaneamente, alla custodia dei trofei dei Tassinari.

Primi Calci Mister Giuriati (Morcellini): San Fatucchio – Santa Sabina

A pochi giorni dal torneo di Fratta Todina i nostri scendono di nuovo in campo in trasferta a San Fatucchio per l’ultima di campionato. Assente il nostro mister Giuriati sostituito in maniera impeccabile da mister Morcellini, i nostri ragazzi impiegano qualche minuto per svegliarsi realmente ed entrare nel clima partita. Ancora qualche scoria dei giorni precedenti da superare e nei primi minuti è la squadra locale a portarsi in vantaggio e sembra proprio questa rete ad accendere qualcosa in campo; in particolare è Pucciatti a iniziare a suonare la carica che quasi da metà campo si libera di due avversari con un sombrero e al volo di destro scaglia la palla sotto la traversa firmando il pari. E’ ancora Puccio in giornata di grazia a siglare altre 2 reti portandoci in vantaggio e a servire l’assist per Passariello dopo una triangolazione iniziata da Verzellini per il definitivo 1-4 della prima frazione di gioco.
Nel secondo tempo dopo il vantaggio nei primi minuti di Passariello sembriamo allentare la tensione e dopo tre azioni non concretizzate dal Castiglion del lago, arriva il pareggio che chiude il secondo tempo senza nessun particolare acuto.
Il mister Alessio raduna a se tutti i ragazzi e dà a loro delle preziosissime indicazioni per come muoversi nell’ultima parte di gara e dopo essere passati inizialmente in svantaggio, Rinchi riesce a pareggiare con un bel tocco sotto porta. Kassar con un vero e proprio miracolo salva il risultato deviando sopra la traversa un bel tiro scagliato dalla distanza. La partita sembra così volgere al termine, forse qualcuno immaginava già un bel piatto fumante sopra la tavola, ma a un minuto dalla fine dopo un fallo laterale battuto da Pucciatti verso l’area di rigore, Passariello gli restituisce la palla di testa e dai pressi del calcio d’angolo è ancora Puccio a trovare lo spiraglio giusto per battere ancora il portiere avversario per il definitivo 1-2 del terzo tempo.
E ora con lo stesso spirito messo in campo anche oggi riuscirete sicuramente a togliervi qualche bella soddisfazione anche tra i vari tornei che vi aspettano. Bravi ragazzi, avanti così!

Pulcini 1°anno Mister Tassini: Angelana – Santa Sabina

Finale di stagione per i nostri ragazzi! Questa volta nel bellissimo campo dell’Angelana. Fischio d’inizio e si parte con le squadre che inizialmente si studiano… o era il sonno visto l’orario mattutino? Poi però una bella azione dei nostri avversari sveglia tutti e andiamo sotto di un goal, i ragazzi come se niente fosse ripartono con la voglia di giocare a calcio che li contraddistingue e con un paio di belle azioni sulla fascia sx e dx mettono a tu per tu il nostro bum bum Benda con il portiere ma niente… la palla sembra non voglia entrare! Dopo qualche minuto l’Angelana raddoppia e il nostro #1 Spiderman, quest’oggi capitano, incita i suoi compagni che prontamente rispondono e Bum bum Benda questa volta batte il portiere avversario ed è 2-1. Da qui in poi si riparte con un altro ritmo e questa volta i nostri pirati fanno vedere l’ottimo lavoro svolto dal mister Jack e via di dribbling e triangoli stretti arriva il pareggio del Borgo sempre presente, 2-2! Presi dall’entusiasmo del pareggio i pirati combattono su tutti i palloni e poco prima della fine del primo tempo arriva il vantaggio del 3-2 del solito Benda oggi in giornata. Ovvio che il papà pagherà la bevuta (Fabry!?). Scherzi a parte ottimo primo tempo e ottimo atteggiamento dei ragazzi che anche sotto di due goal non si sono dati per vinti mostrando il calcio che sanno giocare.
Tempo di un tè caldo fornito dal sempre presente accompagna-toro Borgo e i consigli tecnici di Jack Sparrow Tasso e si riparte. Questa volta la partita è decisamente più equilibrata con delle belle giocate su tutte e due i fronti, un paio di voli di #1 Spiderman ma i nostri avversari segnano per primi come nel primo tempo, poco importa ragazzi, si gioca, qualche traversata sulla fascia del nostro “Little Messi” Bic e arriva il pareggio meritato dello stesso che questa volta evita l’esultanza solita di CR7, il papà Alfredo ha fatto un bel lavoro, bravi tutti e due!
Finisce in un meritato pareggio 1-1 e tutti a bere…
Il terzo tempo inizia con i nostri pirati che vanno sotto di un goal ma questa volta i ragazzi vogliono divertirsi e divertire il pubblico che sugli spalti osserva le belle giocate.
Lavoro duro anche oggi per il nostro duo Mine e DiDo che lottano su tutti i palloni
e 1,2,3 e 4 rispettivamente di Borgo, Bic, DiDo e Mine che compongono il 4-2 finale per noi nella terza frazione di gioco

1,2,3,4 …ehm…aspetta…no…era 1,2,3 Santa Sabina olè!