In meta per la gloria contro gli All Whites di Foligno

Piccoli Amici   All. M. Santiccioli

Santa Sabina – Polisportiva C4   1-7

Marcatore: Pupi Sgalla

Il programma “Mille Miglia 2008-Santa Sabina-B” –in collaborazione con l’UP (Unione Petrolifera) – prevede per questo infrasettimanale dedicato dei Piccoli Amici nell’inedita composizione 2008+2009 la terza tappa del glorioso “Memorial Luca Rosi” al comunale di Ramazzano, ridente cittadina (a partire dal nome) che come sottolinea Wikipedia, si trova (apparentemente) a soli 8 km a est di Perugia, ma che in termini temporali significano “solo” 45 minuti dal nostro Mariotti: guardiamo al Raccordo Anulare di Roma con una certa invidia, a volte.
La partita ha fin dall’inizio un sapore a dir poco epico.
L’arrivo scaglionato negli spogliatoi da parte dei piccoli campioni, dei dirigenti e della focosissima tifoseria rosso/blu (qui in “candida” tenuta per consentire ai campi “in terra” di lavorare meglio con le tonalità verde/marrone sui piccoli corpi e alle lavatrici di giustificare il prezzo di acquisto di quelle nuove per inefficienza tecnica delle prime) sembra un estratto dal capolavoro del grande Julius Verne nella versione: “giro del mondo in 45 minuti”: dal 1873 ne abbiamo fatti di progressi sul fronte logistico!
Si narra di genitori che alle 19:15 di un mercoledì che vede impegnate su altri campi anche Juve, Inter, Napoli e Roma –scusate se è poco!- arrivano da giornate iniziate lavorativamente parlando anche 13/14 ore prima senza soluzione di continuità; di altri che avevano conosciuto l’ultimo pasto più di 24 ore prima; di altri ancora che hanno cercato e benevolmente ottenuto permessi lavorativi e lavorato di autostop presso amicizie influenti; di alcuni che nel computo della giornata sono riusciti a segnare nel taccuino Agip altri 260 km su base giornaliera.
Con buona pace di Verne, i nostri moderni Phileas Fogg riescono a replicare l’impresa del loro goliardico antenato assicurandosi figurativamente le 20000 sterline messe in palio dal Reform Club di Santa Sabina, subito investite opportunisticamente nel dopo partita nella soddisfazione dei “bisogni della panza”.
Ci siamo tutti! E siamo pronti!
Il Santa Sabina, affidato alle cure tecniche (e non solo) di Mr Santiccioli (che ha invece sviluppato il dono dell’ubiquità essendo impegnato pressoché contemporaneamente con gruppo A dei 2005 in quel di Saint Jones Bridge, mettendo a segno l’ennesima “doppietta” di partite nel medesimo giorno: magico!), si presenta all’appuntamento con una superformazione in cui spiccano ben due fenomenali (anche) portieri: il prodigioso Lorenzo Sabatini (le cui gesta della partita di domenica contro il Perugia verranno in eterno ricordate) e l’ottimo Nicola “Neuer” Iachini che lascia al soprannome la mirabile sintesi qualitativa.
Lo speaker che annuncia le squadre per il saluto pre partita chiama in campo per i nostri anche:
Anelli-Carlani-Iannotta-Montegiove-Pisacreta -Sgalla-Squarta-Stan.
IMG_2053
Sappiamo che sarà nella migliore delle ipotesi durissima: il calendario gare ci preannuncia l’impegno con l’organizzatissima (Polisporti
va)C4, Foligno, dalla fama calcistica ben nota presso alcuni settori della Curva-Santa.
“Il C-4 o Composizione C-4 è una comune tipologia militare di esplosivo al plastico…Il C-4 ha 1,34 come fattore di esplosività in rapporto al trinitrotoluene (TNT), riconosciuto quale esplosivo di confronto. Il C-4 ha una velocità di detonazione di circa 8000 m/s.” (fonte Wikipedia)
Ci documentiamo subito per avere quanto meno cognizione di cosa andiamo a maneggiare.
E wikipedia non si sbaglia: quelli dall’altra parte del campo sono esplosivi…e il botto è forte!
La formula di gioco è quella consueta per Ramazzano: prima frazione da 5 minuti tipo “Funinho” che assicura un gol di vantaggio alla formazione che si impone nella frazione in questione + 3 tempi da 10’.In campo siamo messi bene e combattiamo, lottiamo come leoni. Vogliamo giocarcela perché anche se hai 7 anni dentro di te lo sai già che “venire sconfitti non è una vergogna. La vera infamia è sottrarsi al combattimento (manga giapponese; Il destino di Kakugo) e ce la giochiamo a viso aperto.
La difesa, guidata e organizzata dal come sempre ordinato e solido Pisacreta funziona bene e un centrocampo “di mischia” fanno da filtro (dovrei dire “barriera”) alla valanga C4 che si rivela una ottima compagine complessiva (come da attese) che fa leva intorno a 3-4 elementi di valore assoluto su cui spicca il piccolo fenomeno di fascia sinistra: il “divin caschetto” ha dei piedi bellissimi tra i quali il pallone si sposta meravigliosamente, è velocissimo e nonostante la statura è arcigno e combattivo. Soprattutto…è dappertutto.
Iannotta, che ha la “fortuna” di trovarselo s
ulla sua fascia deve fare miracoli -e li fa! Ma è tutta la squadra a farli- per neutralizzare il campione C4 ma come si sa anche i miracoli sono attribuiti in numero limitato e dappertutto non si arriva…Riusciamo addirittura a pareggiare il conto per un attimo e il gol del bomber Sgalla sull’asse Carlani-Iannotta ha il sapore della leggenda: siamo l’Italia del rugby, abbiamo di fronte gli All Blacks e andiamo in meta. La nostra vittoria è in quella serie sopraffina di tocchi che attraverso lo scarpino di Lorenzino consegna la palla alla rete (palo…gol!) e la partita alla storia.

Per dovere di cronaca, ci segnano da tutte le parti e in ogni modo; ci segnano dalla linea laterale e da centrocampo; ci fermano in tutti i modi, leciti e non leciti (non esiste il rigore nella categoria Piccoli Amici, ma il fallo da dietro su Montegiove ne avrebbe richiesti 3 di rigori!), ma ciò che potevamo fare l’abbiamo fatto ed è questo quello che conta davvero.

Ce ne andiamo tutti insieme a mangiare lì alla foresteria del campo; stiamo bene; sorridiamo; i bambini ricordano le gesta dei loro avversari e ciò che di bello hanno fatto loro aspettando le convocazioni del Gruppo B Piccoli Amici 2008 meglio conosciuto come gruppo “Mille Miglia” per la sontuosa (kilometricamente parlando) trasferta di sabato a Massa Martana (distanza da Santa Sabina 67,7km; 60 min circa senza traffico) e l’ultima di martedì prossimo sempre a Ramazzano.

Complimenti alla Polisportiva C4 che, a detta del gruppo genitori, ha scelto la via meno comoda dell’inesistenza dei gruppi squadra per abilità e della rotazione continua degli elementi che porta a ciò che semplicemente abbiamo potuto ammirare e offrendoci qualche spunto di riflessione sulla materia.

Complimenti al mister e a tutti i nostri piccoli campioncini!

IMG_2056
In macchina al rientro (ore 21:45 e domani, cioè oggi, prove Invalsi!) chiedo a mio figlio: “Anto, com’è andata, allora questa partita?” e lui: “Mah, papà, hai visto cosa hanno fatto quelli della C4? Erano bravissimi! Secondo me abbiamo giocato bene! Potevamo perdere 20-0, invece solo…7-1!”

“Gli adulti da soli non capiscono niente, ed è stancante per i bambini dover sempre spiegare tutto” (Antoine de Saint-Exupéry)

IMG_2055

Dal fantastico inviato Caressa Antonio Iannotta