Ieri abbiamo salutato i ‘Baracconi’, ma a Santa Sabina il Luna Park del divertimento non si ferma mai!!!!!!!!

Eccoci di nuovo a riportare i commenti, le cronache, le passioni e le tantissime fotografie che raccontano dei momenti divertenti che i bambini hanno trascorso nel fine settimana, calciando un pallone, segnando una rete, parando un tiro, ma soprattutto avere la possibilità di stare insieme e condividere il più bel gioco del mondo. Come ebbe a dire il grande scrittore uruguaiano Eduardo Galeano ‘Ci sono alcuni paesi e villaggi del Brasile che non hanno una chiesa, ma non ne esiste neanche uno senza un campo di calcio.’ La bellezza del gioco, letta e consumata negli sguardi sognanti dei bambini, vale i sacrifici dei genitori, in ordine di tempo, d’impegni, di priorità, in quanto il desiderio di un ragazzino di giocare a calcio, in qualsiasi condizione, a qualsiasi livello, è così veemente, forte, appassionato che non trova ostacoli. Passiamo alla cronaca delle nostre squadre, iniziando, come di consueto, con le Sette Sorelle maggiori. All’inizio della stagione, abbiamo espresso un desiderio, quello cioè di poter festeggiare ‘La Grande Bellezza’, non quella descritta da Pep Gambardella nel film di Paolo Sorrentino, ma quella di veder vincere tutte e sette le nostre squadre dei grandi. Un desiderio ambizioso, che giornata dopo giornata tenteremo di cogliere per festeggiare la Giornata Perfetta. In questo turno non è andata proprio così, in quanto abbiamo registrato uno score di due vittorie, un pari e tre sconfitte con il turno di riposo dello squadrone di Matteo Tancini a completare il SetteBello. Iniziamo proprio dalla squadra dei Giovanissimi F.C. di Orvieto, fermi allo stop del turno di riposo, che si misureranno con il San Marco Juventina in trasferta, con l’obiettivo di raggiungere la Don Bosco che li ha superati in classifica. Impegno ostico per i ragazzi del Tancio, ma certamente alla portata dei rossoblù. Daje Ragazzi.

IMG_2808

Prima Squadra sconfitta tra le mura amiche, al termine di una gara altalenante, che ha visto gli ospiti della Vis Nuova Alba giocare con attenzione e sfruttare le chance per chiudere la sfida 2-1, nonostante il vantaggio iniziale di marca rossoblù siglata da Belli, che bissa la rete della settimana scorsa. Nulla è compromesso, si è ancora al 4° posto in coabitazione con altre due squadre e domenica si cercherà un pronto riscatto in casa dei lacustri del Vitellino, fanalino di coda del girone.

Buone notizie arrivano dalla Juniores di mister Mencaroni, che batte agevolmente il Tavernelle con il classico 2-0, salendo al sesto posto in classifica generale con 18 punti e con il terzo miglior attacco del campionato. Prossimo turno interessante, contro il Lama in trasferta, compagine che ha raccolto 25 punti sui 27 a disposizione e che guida saldamente il campionato. Per i ragazzi di mister Mencaroni sarà una partita da giocare con grande entusiasmo e senza aver nulla da perdere.

IMG_2809

Passiamo agli Allievi di mister Alberto Chiocci, sempre molto presente e attento in quel di Santa Sabina, in merito alle varie dinamiche che si susseguono, impegnati nel Campionato F.C. di Gubbio e capaci di sconfiggere con ampio margine l’Agape 2000 in trasferta. Per i rossoblù è la terza vittoria consecutiva in trasferta, che li colloca al secondo posto in attesa della sfida della prossima giornata contro il Trestina.

Sconfitti i ragazzi di mister Barbetta, di scena contro il Fontanelle e superati per 4-2, al termine di un bel match. I rossoblù, che devono recuperare una partita contro il Trestina, affronteranno il San Marco Juventina per rilanciarsi in campionato e salire di classifica. Marcatore di giornata Moretti che ha realizzato una doppietta.

IMG_2810

Il difensore Francesco Checcarelli

Pari per 1-1 tra Angelana e Santa Sabina, per la sfida valida nel Campionato F.C. di Perugia. I ragazzi di mister Del Secco hanno colto un punto importante, giocando una buona gara e rompendo il tabù trasferta, dove erano stati sconfitti nelle due precedenti uscite. Turno non semplice il prossimo, dove i rossoblù se la vedranno al Flavio Mariotti sabato alle ore 17.00 contro i biancorossi del Perugia per il big match di giornata.

Ultima cronaca del week end per le squadre maggiori, con la sfida tra i Giovanissimi di casa di mister Luzzatti opposti al Cannara nel Campionato di A1. Folto pubblico al Mariotti, bella ed equilibrata partita, con il Santa Sabina più bravo nel manovrare e nel palleggiare nel primo tempo, sfruttando le giocate tecniche di Nucci, Montanelli e Bietta, ma sfortunato nel non centrare la porta con l’occasione di Grilli che girava di testa un cross pennellato da Mandoloni, sorvolando lo specchio della porta. Ripresa che vedeva il Cannara crescere, soprattutto fisicamente, spinto dai suoi centrocampisti, in particolare dal suo numero quattro Salakku che a metà ripresa timbrava il vantaggio, poi definitivo, degli ospiti. Rammarico in casa rossoblù, per non aver concretizzato un’occasione due minuti prima dello svantaggio, con un tiro dai diciotto metri respinto dal portiere e con Patrick Camarà che a due passi dalla porta, sporcava il tiro permettendo all’estremo avversario di deviare in corner. Come spesso nel calcio si usa dire, ‘gol mangiato gol subito’ e il Cannara segnava nell’azione successiva. Mister Gigi è già di nuovo battagliero e pronto per il derby contro i cugini del San Sisto, in programma domenica mattina.

Siamo pronti per voltare pagina e tuffarci nelle imprese dei nostri piccolini. Apertura d’obbligo per i 2006 di mister Mullay, che superano in rimonta il Settevalli Pila al termine di una bella partita, iniziata con un bel sole caldo e chiusa sotto i riflettori del Mariotti.

IMG_2735

Primo tempo appannaggio degli ospiti, più determinati e intensi nel portare il pressing fin oltre la trequarti campo, mentre i nostri ragazzi facevano fatica a trovare le misure per organizzare una risposta. Secondo tempo più equilibrato, con i rossoblù più decisi e bravi nel trovare le giuste soluzioni di gioco. Grazie alle parate di Davide Stopponi, portiere degli ospiti, il tempo si chiudeva sullo 0-0. Aggiungevamo un punto grazie alla maggiore abilità dimostrata negli ShootOut, vinti per 9-8, e ci presentavamo carichi a molla nel terzo e determinante periodo di gioco. I nostri ragazzi alzavano decisamente ritmo e qualità di gioco, costringendo i biancoverdi ospiti ad abbassare la linea difensiva, sfruttando al meglio le corsie laterali e riuscendo ad allargare le maglie dei centrali. Il 3-0 finale è un po’ troppo eccessivo nei riguardi dei pur bravi ragazzi di Pila, anche stanchi dopo aver corso tantissimo nei primi due tempi, ma il lungo applauso per tutti i ragazzi soddisfaceva i protagonisti in campo, che uscivano consapevoli di aver dato tutto. Bravi.

IMG_2737

Sfida casalinga per i 2010, impegnati contro i biancoblù del Solomeo. Giornata fresca, aria frizzantina, ma nulla di ciò avrebbe potuto rovinare la festa del divertimento dei ragazzi.

Stesso campo, qualche minuto dopo, ecco i nostri ragazzi impegnati in una delle sfide incrociate di giornata, contro il Montemorcino, che sarà avversario anche dei nostri 2007 di mister Skip. Anche in questo caso bella fotografia d’insieme per tutti i ragazzi in campo.

Partita divertente e baciata dal sole, con mister Giuriati impegnato nel mantenere alta la concentrazione dei suoi ragazzi…..

IMG_2755

I ragazzi attentissimi alle parole del mister….

IMG_2775

Una bella ripassata generale delle nostre strategie….!!!!

IMG_2773

Gli accompagnatori se la ridono…..

IMG_2771

Passiamo al gruppo di mister Morcellini, impegnato in un bellissimo triangolare contro Solomeo ed Ellera.

IMG_2756

Giornata di vero sport, nell’impianto di Ellera, con i ragazzi impegnati al massimo per divertirsi e far divertire.

Anche in questo caso, oltre al divertimento, alla passione, all’entusiasmo, tante belle foto che si candidano al Premio Pulitzer….

Foto d’autore su calcio d’angolo….

IMG_2761

Troppe porte qua dietro eh…!!!!

IMG_2760

Un accompagnatore…la sua solitudine…la sua attenzione…grande Marco!!!!!!

IMG_2757

Passiamo al gruppo di Jack Sparrow Tassini, ringraziando Vinci Welldone per l’articolo.

4° di campionato 11.11.18

NESTOR – SANTA SABINA 2010 TASSINI

Bella trasferta dei pulcini di mister Jack Sparrow Tasso, questa volta nel campo dei ragazzi della Nestor… Primo tempo con un timido approccio delle due squadre vista anche la leggera nebbia e il campo bagnato…

IMG_2767I nostri ragazzi hanno lottato come veri leoni su tutte le palle subendo un bel gol dei padroni di casa, poi il leone Brizi con un guizzo fulmineo la metteva in rete portando la gara al pari momentaneo…BRAVI RAGAZZI… A metà del primo tempo i padroni di casa si riportavano in vantaggio con un bel tiro dalla distanza che il nostro custode dei pali “Spiderman Edoardo” non riusciva a raggiungere… Infine a pochi minuti dal termine della prima frazione la Nestor chiudeva con il 3-1. Ottimo primo tempo davvero combattuto sempre con lo spirito del divertimento e della correttezza.

IMG_2770 Il secondo tempo inizia con delle belle giocate dei nostri a cui è mancato il goal ma, alla metà, una bomba da fuori area del Gigante buono Minestrini portava i nostri in vantaggio. I padroni di casa colpiti nell’orgoglio rimontavano per finire in parità. Ottimo secondo tempo con lampi di ottime giocate e un pari meritato dei ragazzi. 1- 1.

Terzo tempo combattutissimo chiuso 4-2 in favore dei padroni di casa con la ciurma di Jack Tasso che andava all’arrembaggio sul campo come veri “pirati” e con un lampo di classe del piccolo Dattolo e un gol da vero asso dell’area di rigore del leone Zebeli che accorciavano il vantaggio dei Nextoriani i quali segnavano altri due goal al nostro “Spiderman”. Finiva così la “battaglia” con una grande prova dei nostri “pirati” che, mai domi, hanno lottato su tutti i palloni…

Bravissimi ragazzi… questa è la strada giusta… 1…2…3…Santa Sabina Oleeeeeee….

IMG_2772

Chiusura con la sfida tra i 2009 di mister Fabrizio Brillo, contro i pari età del Bastia e chiusa con la vittoria degli ospiti per 2-1, al termine di tre tempi combattutissimi e divertenti. Attendiamo foto e racconto dal nostro inviato Mauro Ragni.

IMG_2812

 

L’attaccante Davide Ragni

Chiudiamo questa prima parte dei vostri commenti. La redazione sta lavorando sugli articoli dei 2007 e dei 2008, con particolare attenzione a cosa Anna Maria potrà mai aver scritto in questa giornata. La curiosità sale…..e vi diamo una piccolissima anticipazione….

IMG_2749

Un lunghissimo week end di partite, tra passeggiate alla Fiera dei Morti, vittorie del Perugia e prime serate tra Lambrusco e castagne…buon inverno a tutti!!!!!!

Ben trovati a tutti. Un grazie davvero sentito a tutti coloro che aiutano a rendere divertente questo ‘nostro’ articolo, che nel nome del Santa Sabina prova a costruire un’identità importante, la nostra identità e il nostro orgoglio, oltre che il nostro modo di vivere lo sport e di farlo vivere ai nostri ragazzi. Abbiamo da presentarvi circa cento fotografie, che voi con pazienza, entusiasmo, serenità, avete confezionato per chiunque desideri fare un sorriso nel rivedere o rileggere delle gesta, eroiche, del proprio figlio.

Iniziamo con una delle iniziative più importanti per la nostra società, organizzata per accogliere Stefano Bonaccorso, uno dei maggiori competenti per i Settori Giovanili di Calcio, Responsabile per l’Atalanta, che è stato ospite della nostra società nello scorso week end. Tutti i nostri formatori hanno presenziato all’evento, con la squadra dei ragazzi delle  nostre categorie 2009-08 a far da attori protagonisti in questa due giorni.

c9a9e4a3-5e1c-44ec-9d80-4a41891e9255

Venerdì il primo contatto con formatori e ragazzi, con tante spiegazioni, osservazioni, competenza da tradurre poi in campo per la crescita dei presenti.

Ragazzi quindi protagonisti delle simulazioni attuate per comprendere al meglio giochi di posizione, ruoli da scoprire e ricoprire, situazioni e schemi poi utilizzati in settimana tra partite e allenamenti.

a7930015-a3f5-4e15-8873-9f535ef271c4

Un plauso ai ragazzi, davvero educati, disponibili ed entusiasti.

Non ci si è limitati al venerdì, ma si è sfruttato al meglio il Ponte e anche il sabato in campo tanti ragazzi gioiosi e formatori ben attenti alle parole di Bonaccorso.

Una bella iniziativa che, in termini di prospettiva, porterà sicuramente esperienza, nuove conoscenze ed entusiasmo a Santa Sabina.

Iniziamo la nostra carrellata di immagini e commenti, con i resoconti delle partite dei nostri ragazzi. Partiamo dalla consueta panoramica delle nostre ‘Sette Sorelle’, le cosiddette squadre dei ‘grandi’, che comprendono la Prima Squadra di mister Porrozzi, impegnata nel Campionato di 1° Categoria, la Juniores impegnata nel Campionato Regionale A2 di mister Mencaroni, gli Allievi di mister Barbetta che partecipano al Campionato Regionale A2, gli Allievi di mister Alberto Chiocci impegnati nel Campionato Sperimentale di Gubbio, i Giovanissimi di mister Gigi Luzz che disputano il Campionato Regionale di A1, i Giovanissimi di mister Del Secco che disputano il Campionato Sperimentale di Perugia e per finire i Giovanissimi di mister Matteo Tancini impegnati nel Campionato Sperimentale di Orvieto.

43feb338-5da6-466b-9033-e28e9ad12565Iniziamo la nostra lunga marcia proprio con lo squadrone di mister Tancio, che cala il poker in quel di Tavernelle, e si presenta al turno di riposo con un biglietto da visita davvero niente male: quattro vittorie su quattro partite, ventidue reti fatte e solamente quattro subite.

Difficile aggiungere qualcosa, se non che questi ragazzi stanno veramente facendo qualcosa d’importante, non solo per i risultati, ma per lo spirito e l’entusiasmo che in ogni partita e allenamento mostrano. Da registrare nel poker di reti realizzato in quel di Tavernelle i timbri di Barlozzo, Mangano, Rossi e Scarfone.

Infine, certe foto parlano da sole…..forza Inter Sempre….

08c6741d-f498-4dd1-b4cd-332c4fd5bec2

Dulcis in fondo….rammentiamo a qualcuno che deve scucire un centone…carissimo Niki (Di) Lauda (dio)….quando si fanno profezie sbagliate!!!!!!!!!

Continuiamo la nostra panoramica segnalando la non disputa di due incontri, nel caso degli Allievi di Chiocci contro il Gualdo Casacastalda e stessa categoria, Allievi di mister Barbetta contro il Trestina. Domenica se la vedranno rispettivamente con l’Agape 2000, appaiata ai rossoblù di Chiocci al terzo posto e con il Fontanelle, nel Campionato Regionale, che precede i nostri ragazzi in classifica di un solo punto.

Passiamo alla Juniores di mister Mencaroni che è riuscita a espugnare il campo della Tiberis per 4-2 salendo al sesto posto in classifica generale e domenica se la vedrà con il Tavernelle che ha gli stessi punti dei rossoblù. Un gran bel match.

Ottima prova per i Giovanissimi di Del Secco, che hanno superato il Bastia in casa, con un punteggio largo e che domenica sfideranno l’Angelana per salire in classifica nelle posizioni di vertice.

Vittoria in trasferta per i Giovanissimi di Luzzatti, contro l’Olympia Thyrus per 4-2, grazie ad una gara molto determinata, che ha visto i ragazzi rossoblù riuscire a concretizzare la grande mole di gioco prodotta.

Interessante siparietto prima del calcio d’inizio, con protagonista Simone ‘L’Accompagnatore’ Piselli, che ordina via telefono e viene accontentato!!!! Mistero…

Per la completezza della cronaca, riportiamo i marcatori di giornata: Camarà, Puletti e doppietta di Pieroni.

IMG_2540

Bomber di giornata Pieroni

Chiudiamo questa parentesi dei grandi con il pari della Prima Squadra, contro il Mantignana che consente alla squadra di mister Porrozzi di rimanere saldamente al quarto posto in classifica. La compagine rossoblù proverà a sfruttare un calendario importante, che la vedrà giocare tre delle prossime quattro gare al Flavio Mariotti, contro squadre che navigano alle spalle, provando a mettere in cascina più fieno possibile e arrivare al giro di boa con un buon gruzzolo di punti.

IMG_2551 Marcatore di giornata Alessandro Belli

Tuffiamoci ora al campionato vero, quello dei ragazzi che fanno della passione e del divertimento il punto prioritario delle proprie partite, senza obbligo di classifica o risultato.

Partiamo con i 2009 di mister Bomber Fabrizio Brillo, lasciando come sempre ad Ale Magistrato il racconto della sfida.

Pulcini B 2009 Mister Brillo:
Angelana – Santa Sabina 2-2
(1-0, 0-0, 1-2 Magistrato 2).

Gran bel pari in trasferta all’ombra della Basilica di Santa Maria degli Angeli per i ragazzi di Mister Brillo, un pari in rimonta e di grande carattere.

Con l’adrenalina ancora nelle gambe dopo l’allenamento mattutino con i tecnici dell’Atalanta, Mister B decide di aggregare al gruppo Federico Carlani e Francesco Rusciano per sostituire Mattia Podella, oggi assente.
ce744ba6-05de-48d3-943f-94923b5acc07Dalle prime battute è il Santa a costruire gioco, mentre i giallorossi di casa preferiscono aspettare ed agire di rimessa sfruttando una maggiore fisicità. Alunni e il portiere avversario ingaggiano un duello personale sul tiro dalla distanza, ma l’estremo difensore compie un paio di interventi super e nega il gol. Sulle ripartenze concediamo qualcosa agli avversari, Scorteccia è bravo a fare buona guardia alla porta anche se nulla può su un contropiede fulminante originato da una palla persa in mezzo al campo. Dopo aver colpito un palo a testa il primo tempo finisce 1-0 per loro.

Si riparte nel secondo tempo sempre con i rossoblu in avanti a giocare alti con rapide circolazioni sugli esterni e l’Angelana più attendista. I giallorossi fanno paura quando ripartono palla al piede e anche Leo Petre ci mette piedi e guantoni per aiutare la difesa. I ragazzi ci provano fino all’ultimo, ma ancora un palo nega il gol che avremmo meritato e la frazione di gioco si chiude a reti bianche. Ci rimane un solo tempo per rimettere in piedi la gara e rendere merito alla prestazione, ci proviamo subito ma la Dea Bendata ci mette lo zampino e andiamo sotto 1-0. Il gol scuote i nostri, ma prima c’è il tempo per un gustoso siparietto tra Carlani Senior e il Mister avversario.

dcf2a396-98cf-4e2a-9b56-c24d4db0a8efEcco il dialogo a distanza di 30 metri: Carlani “Oooh, Mister, quando glielo dici ai tuoi che non possono attaccare il portiere?” risposta “Ah, perché non si può?”. Risata generale di genitori e tecnici. Rimettiamo in gioco la palla con la grinta di chi non ci sta a perdere, e su angolo di Alunni Magistrato fa il movimento giusto sul primo palo e insacca al volo. Finalmente 1-1, ma non basta e attacchiamo a tutta forza. Recuperiamo palla sulla sinistra, Matteo Magistrato va via di forza e insacca a giro con un gran tiro all’angolino alto, dove non batte il sole.
3fea389c-2568-46c0-80f7-b33e4493ad39Splende invece il sole sul volto del Mister, soddisfatto della prestazione dei ragazzi e a fine gara dichiara: “Ragazzi, nelle prime 3 giornate abbiamo vinto, perso e pareggiato: la prossima torniamo a vincere”. DAJE Santa.
Passiamo alla categoria 2010, di mister Jack Tassini, impegnati contro la Virtus Collina. Il nostro Stefano Borghesi ha preso sul serio, come è giusto che sia, il Premio Pulitzer per la Migliore Fotografia di stagione e sta provando in tutti i modi a vincere tale riconoscimento. Magari fare la fotografia anche all’articolo è, forse eh, un tantinello esagerato…….!!!! Grande Stefano….
131455c7-8322-44f1-a3de-8b25ee52e1c9

L’immagine è volutamente sfocata…..

fbadf959-b3b3-4aa8-ae0b-9fd07ceb344b

Calcio d’inizio….

Immancabile foto d’insieme del gruppo 2010….complimenti….

dbad80a7-a807-42e7-9000-905d67a74820

Ps la parte della frase mancante è in un’altra foto….testualmente cito: ‘fumante pizza!’

Ps2 la prossima volta anche una mail Ste…!!!!!!!!!!!!!

Altra giro, altra corsa, pur rimanendo dell’ottovolante dedicato all’annata 2010, che incrocia anch’essa la squadra giallonera della Virtus Collina. I ragazzi di mister Falcinelli hanno giocato alla grande, divertendosi e affrontando, prima degli stessi avversari, le insidie di un campo in erba, a cui sono poco abituati.

55231db1-a6a4-42db-89af-aafdcb64601f

Erba e qualche piccola zolla qua e là.

5a4d0ee2-8d5a-44f9-afcf-de3bdef9c20a

Comunque i ragazzi non si sono certamente risparmiati.

bb2f6c95-82d8-4b21-82d3-00e714f54c05

E soprattutto divertiti, come dimostra il tentativo di emulare l’aeroplano….

67ccf04b-a846-4a0a-bf89-5527a40c4a9e

In questo caso il giocatore della Virtus numero 20, tentava di abbattere il ‘birillo rosso’ posto tra le tribune. Premio conseguito: un bel giro sulle montagne russe………

Siamo in dirittura d’arrivo e passiamo allo squadrone 2008, che ha visto i ragazzi di mister Ale Pinchi riposare, ma il nostro mister si è reso disponibile a seguire i ragazzi di mister Gigi, che non avendo il dono dell’ubiquità, se stava da una parte non poteva stare dall’altra. Ringrazio Anna Maria per le tante e bellissime fotografie e per il racconto, che io riporto pedissequamente, intervallandolo solamente con le immagini. Grazie davvero.

8f3234e1-7950-4ad1-8867-0cd2fb804c2d

Partenza dal Quartier Generale di Santa alle 7.30…in giro neppure un cane…arrivo a San Fatucchio alle otto circa….ci vuole subito un caffè. Anna Maria mi ha pregato di non dirlo, ma la tentazione è troppo forte e devo cedere. Dietro ai sorrisi di facciata, si cela il fatto che nel bicchiere vi è si del caffè, ma anche una leggerissima correzione di Sambuca, Grappa, Zenzero e Assenzio….così per rendere la giornata più allegra. Infatti d’ora in avanti assisteremo a situazioni…diciamo…Epiche!!!!!!!!!!

acf60c47-9b0a-4001-8c9c-5df3f59e3847

Foto dello squadrone 2008, con mister Ale e gli accompagnatori….

a94e2859-bb51-405f-ae20-3c7dbfa266ff

Foto dei nostri fantastici genitori, con in primo piano il Capo Delegazione Vincenzo Sgalla….non proprio un portafortuna di questi tempi eh…..!!!!!!!

Pronti e in campo per la sfida….i ragazzi di casa sono molto forti, sicuramente tra le prime cinque squadre della nostra provincia, pur avendo perso un paio di elementi fortissimi.

dc74c5b7-1201-405a-a22e-241f0f5404cd

I nostri ragazzi non temono il confronto e l’attivazione è fatta con estrema cura e attenzione.

88ed9bc3-ee21-4fc7-8e54-3f64ba989585

Primo tempo combattuto, giocato con intensità dai rossoblù, con il San Fatucchio bravo nel fare la partita, sfruttando il campo e la propria fisicità. Teniamo duro, ribattiamo colpo su colpo, senza cedere di un centimetro.

eaaf8f03-52f5-45b4-a83d-1739451fc232

I nostri baluardi difensivi volano.

Alla fine cediamo il tempo per 1-0, ma siamo soddisfatti perchè sappiamo bene di trovarci dinanzi una squadra fortissima e stiamo tenendo bene il campo.

4f05d947-c11d-4dce-8107-2041b7911ce1

Fortunatamente i nostri ragazzi non sembrano prendersela eccessivamente……!!!! Ps la foto è di Anna Maria e, causa la mistura di cui parlavamo prima, rimane convinta che la foto sia in piano. Anna Mariaaaaaaa la foto è obliqua……forse eri tu in pianooooo!!!!!!!!!

Mister Ale prova a districarsi tra tattica e strategia….

22ef5884-8944-4f42-b1f7-0ffd8ec9b132

Mister Ale: ‘Allora ragazzi, questa cosa si chiama ‘gioco dei tre cinesini’. Io metto una bottiglia d’acqua sotto uno dei cinesini e voi indovinate quale. Ok?’

Antonio Iannotta: ‘Mister, ma si vede dove la metti. Eccola qua.’

Mister Ale: ‘Si vede? Mmmm…ma allora non capisco dove sbaglio….uhmmmm….’

La partita riprende, ma il mister Ale ha ben altro a cui pensare…..

0a6407ba-f4ee-42aa-a554-1e6c5dbbe97e

‘Oh…eppure non lo sbagliavo mai….mah’

I ragazzi rientrano in campo con grandissima tenacia e voglia di far bene. Sfioriamo la rete del vantaggio, e il nostro portiere vola a bloccare tiri insidiosi.

35fc4dc6-1ffe-457f-a030-27d55b98b88b

Alla fine portiamo a casa un pari per 0-0, meritandoci gli applausi dei genitori.

3af52e86-34a7-4fa5-b580-331cb5953443

Mister Ale incoraggia i suoi ragazzi, il pensiero del gioco dei tre cinesini è alle spalle!!!!!

3de454bd-6abf-473d-946d-3986aee8ddbd

Anna Maria continua a fare foto ‘sospinta’ dal caffè di prima. Lo sguardo dei ragazzi è tutto un programma!!!!!!

La sfida riprende con il San Fatucchio che spinge sull’acceleratore, approfittando della stanchezza dei nostri e facendo leva sulle prime qualità tecniche e fisiche. I nostri ragazzi abbassano la linea difensiva, concedendo qualche metro di troppo ai locali, che sfruttano il momento di difficoltà e ci colpiscono in rapida successione. Alla fine usciamo sconfitti, ma non vinti in quanto abbiamo tenuto il campo alla pari per oltre tre quarti d’ora, dimostrando una grande forza mentale e una lucidità importante.

567e3b76-e2fe-4034-95a8-382b9f908ff1

I ragazzi se la spassano comunque, e la nostra partita con Anna Maria per fargli ‘raddrizzare’ le fotografie è oramai persa……

7b03b3c4-450a-4e5a-bf51-338e0dfba044

Dopo le fatiche in campo, la gioia dei cinque gol della sua Inter gli rinnovano il sorriso!!!

Infine una foto d’autore….

2ab884cd-bf12-4ee4-8e12-4080e8fed680

Iannotta Padre: ‘Antonio, ti devi concentrare e accostare bene. Se poi non cambi il punto, possiamo anche bocciare al volo.’

Iannotta Figlio: ‘Papà, scusa se mi permetto, ma sei sicuro che le bocce c’entrino qualcosa con il calcio?’

Iannotta Padre: ‘Ma perchè, c’è differenza????????

83b29dfd-9fd8-41e6-a3d2-81d322647ad8

Gli occhi di questo bellissimo cane, dopo aver sentito il commento di Vincenzo Iannotta!!

Grazie al gruppone 2008 per il bellissimo racconto

Chiusura di questa giornata con le due squadre 2007 dei mister Andrea & Andrea. Il gruppo di mister Maffei incrociava i guantoni con i biancoblù dell’Ellera e se fosse stato un match di pugilato, probabilmente avrebbe vinto ai punti. Essendo un incontro di calcio, la sfida si è chiusa in parità, ma il lungo applauso dei genitori ha omaggiato tutti i protagonisti in campo, per l’impegno e la qualità del gioco espresso. Primo tempo giocato a ritmi elevati per entrambe le squadre, con l’Ellera degli ex, ma sempre grandissimi amici, Diegone Rima e RaffAiello, pericolosa in fase di ripartenza, ma con i nostri a costruire gioco in modo lineare e continuo. Un paio di respinte del Fiore Azzurro Partenopeo, poi il vantaggio dei rossoblù: palla sradicata a centrocampo da Panzer Brencio, in corsia per l’imbucata di Jack Costarelli, che lavorava di fino la sfera quindi la rimetteva al centro dove l’accorrente Ale Florenzi Bicorgni la spediva in rete.

IMG_2441

Il sorriso ‘birichino’ di Ale

Il Santa Sabina continuava a spingere, ma la rete non piegava le gambe agli ospiti, che ribattevano colpo su colpo. A due minuti dal termine il pari dell’Ellera: calcio d’angolo che sviene sventato dal capitano Francesco Procopio, palla sulla trequarti che i difensori ospiti ricacciano in area, batti e ribatti e alla fine il centrale difensivo trova il pertugio utile per sfoderare un missile assolutamente imparabile per il pari. Un peccato, ma non certo per il risultato, assolutamente marginale, ma per la prestazione dei ragazzi davvero convincente.

IMG_2429

Mister Andrea carica i suoi, rispedendoli in campo convinti di poter far bene anche nel secondo tempo. La squadra rientra seguendo il suo capitano, Francesco Procopio.

IMG_2440

Le squadre iniziano a giocare senza fronzoli e senza tatticismi, allungandosi e fornendo spazi agli attacchi e costringendo le difese a un lavoro doppio di chiusura e ripartenza. Fioccano le occasioni da rete, ma il risultato rimane ancorato sullo 0-0, fino a quando Matteo Cavalletti non indovina un destro dalla distanza che s’infila sul ‘sette’. Rete che vale la soddisfazione personale per Matteo e la vittoria nel tempo. I ragazzi tornano in panca a rifiatare e abbiamo il modo di registrare il saluto tra Fiore, Diego e Raffaele. Fortunatamente l’amicizia, quella vera, non conosce maglie diverse….bravi ragazzi……

IMG_2434

Nel periodo finale l’Ellera cresce d’intensità, mentre i nostri ragazzi cominciano ad accusare la fatica fatta sino a quel momento. Dobbiamo anche riconoscere i meriti dei nostri cugini, che riescono ad affondare con repentini strappi in verticale, saltando spesso la nostra mediana. Andiamo sotto di due reti, poi sempre grazie a Matteo Cavalletti accorciamo le distanze e sfioriamo pure il pari, ma alla fine il risultato premia lo spirito di entrambe le squadre che corrono festanti verso i genitori a raccogliere il meritatissimo applauso.

IMG_2442

L’autore della doppietta Matteo Cavalletti

IMG_2443

Il Fantastico Squadrone di mister Andrea Maffei

Chiusura con i Spartiati di mister Andrea Leonida II Skip, impegnati del Derby della Caina, nota disfida in atto dai tempi dell’Impero Romano. La squadra di mister Skip si presenta all’appuntamento dopo aver vinto contro i grifoncelli e desiderosa di far bene all’esordio al Flavio Mariotti, e per l’occorrenza spostata nel Grande Campo di Battaglia. D’altro canto, i cugini del Castel del Piano vogliono vendicare la sconfitta di misura patita lo scorso anno nella finale del Torneo di Santa Maria degli Angeli, quindi si presentano concentrati e intenzionati a fare bene.

IMG_2410

Sulla tribuna centrale il pubblico delle grandi occasioni.

Mister Leonida Skip ricorda ai suoi ragazzi la strategia da seguire, le scelte da fare, l’entusiasmo da immettere nella partita.

IMG_2398

Leo Aldair Fifi impegnatissimo nella chiusura delle stringhe….

IMG_2400

Attenzione massima e massima concentrazione!!!!

Finalmente si esce e si respira l’aria del campo, con i suoi colori, i suoi effetti e le ansie che trasmette a chi, di lì a poco, scendere in campo per giocare la sua partita.

L’attivazione sembra essere riuscita e mentre mister Skip trasmette le ultime raccomandazioni del caso i ragazzi si preparano all’entrata in campo.

IMG_2411

Giochiamo con le casacche bianche, giustamente noi di casa, in quanto tra le tante cose che ci accumunano c’è anche quella dei colori sociali, rossoblù per entrambi. I ragazzi cominciano a entrare in fibrillazione per gli Shootout che riusciamo a vincere per 5-4, nella prima tornata.

IMG_2412

Dopo la parentesi legata agli Shootout, finalmente siamo pronti e con un cielo dal color argento pastello ci sistemiamo in campo pronti per iniziare le danze. Siamo molto tesi e contratti, a volte per eccesso di foga non riusciamo a impostare l’azione e il Castel del Piano controlla il campo nel migliore dei modi. Ci sistemiamo con Leo tra i pali, oggi ‘stranamente’ non brillante, Andrea Berti Vogts Papi in corsia destra con Stefy Fazio Marsala in quella sinistra e Leo Aldair Fifi perno centrale. A centrocampo ballano Ali Schuster Billorosso con la complicità di Nick Zico Panichella, mentre in fascia corrono Nick Denilson Broccatelli in lato mancino e Filo Iniesta Zuccherini in quella destra con Jad Mo Salah El Aissami libero di sfruttare il fronte offensivo. Al secondo sfioriamo la rete con la solita percussione centrale di Stefy, ben contrato dal portiere. Al duecentesimo secondo di gioco è il biondissimo Schuster Billorosso a portarci in vantaggio con una staffilata dai diciotto metri, assolutamente imprendibile. La rete non ci regala slancio, anzi sono gli ospiti ad aumentare i ritmi, incalzando la nostra mediana e scoprendo il gioco dai lati per aggirare la nostra Linea Maginot. Al dodicesimo minuto i rossi calciano un corner, con la palla che staziona nei pressi della linea di porta per qualche secondo, regalando emozioni contrastanti verso i numerosi tifosi assiepati in tribuna: chi nel tentativo di spingere la sfera in rete si sporge in avanti, chi nel tentativo di toglierla dai pressi della rete la sospinge indietro. La difesa sbroglia la matassa e Jad Salah coglie il legno della traversa con una conclusione dalla distanza. La frazione termina senza ulteriori sussurri, ma la sfida è più intensa che mai.

IMG_2415

Il momento del fischio di fine primo tempo.

Mister Skip scuote i suoi, chiedendo più intensità nel pressing e velocità nel giro palla. I ragazzi annuiscono e dopo la girandola di cambi si sistemano al centro del campo per la seconda serie degli Shootout. Pareggiamo e nel computo totale portiamo a casa il punto vincendo 9-8, ma poco sposta negli equilibri della gara.

Rientriamo con Leo in porta, Ricky Cafù Fiorentini a destra con Fefo Breitner Cassieri a sinistra e Sugar Cannavaro Zuccherini in corsia centrale. Dado Dirceu Bartolucci in fascia sinistra con Matteo KataKlinsmann Focaia in corsia opposta, mentre a centrocampo Alexis Platini Rosini e Matteo Il Capitano Lahm Tarantino cucivano le pieghe del gioco per Filo Skhuravy Mattioli puntero assoluto e avanzato. Il Castel del Piano iniziava a spron battuto, ma i locali cresceva in intensità e provavano ad aprire la difesa dei rossi. Andrea Catana, punta d’eccellenza degli ospiti, si batteva in lungo e in largo, creando pericoli e portando scompiglio, ma la nostra difesa comandata da un sontuoso Filo Zuccherini, per distacco il migliore in campo, riusciva a limitarne il raggio d’azione. Un paio di nostre folate offensive, bloccate dalla rocciosa retroguardia degli ospiti, un tiro dalla distanza di Aladino Platini Rosini, ma si giungeva a metà tempo con il risultato fisso sul pari. All’undicesimo minuto la rete dei locali: azione corale che liberava il Capitano, abile a smistare la palla sui piedi di KataKlinsmann Focaia che scoccava un destro al fulmicotone. Il vantaggio non spostava l’equilibrio della gara, con gli ospiti che giostravano di rimessa e con i rossoblù di casa che cercavano l’acuto in percussione. Al quattordicesimo minuto il raddoppio con quella che, al momento, si candida autorevolmente per essere votato come gol dell’anno: palla ai sedici metri, rimpallo con sfera ad uscire, il Capitano Matteo Lahm Tarantino che trova una coordinazione semplicemente perfetta e spammm tiro di destro sotto la traversa. Rete fantastica e bellissima. Il Castel del Piano ha il grande merito di non abbattersi e di continuare a far gioco, arrivando a siglare la meritata rete: un tiro non particolarmente violento dai venti metri, che si alza e che il prode Leo ha sui guanti, ma che riesce nella non facilissima impresa di parare e spedire in fondo al sacco. Le statistiche della Gazzetta dello Sport indicano autorete, tanto è palese l’errore del portiere. Subiamo quindi una rete, interrompendo il nostro record storico di imbattibilità che durava da 199 minuti. Proprio alle soglie del duecentesimo minuto, il nostro estremo difensore ha fatto la più classica delle ‘cappelle’.

IMG_2414

Rientriamo in campo consapevoli di dover alzare il livello del nostro gioco, se vogliamo mettere pressione ai nostri cugini e in parte ci riusciamo. Pressiamo alti e costringiamo gli ospiti ad abbassare la linea mediana e di conseguenza a far densità sui propri ventidue metri. Alziamo il baricentro della squadra, riuscendo a costruire azioni importanti, senza però concretizzare il gioco offensivo. Al settimo minuto è di nuovo KataKlinsmann Focaia a timbrare il vantaggio e la sua personale doppietta con un gol di potenza. La rete sembra appagare i nostri, che spingono ancora, ma senza creare altre occasioni nitide, mentre il Castel del Piano comincia ad accusare fatica e stanchezza nell’aver corso per tutta la partita. Chiudiamo la seconda partita con una vittoria importante, vincendo il Derby della Caina, salutando insieme i tifosi, che applaudono vigorosamente i ragazzi, tutti, protagonisti della partita.

IMG_2420

Mister Skip ai nostri microfoni.

D: ‘Mister, la squadra vince, ma non convince. Il gioco latita, fisicamente sembrate ancora appesantiti dalla preparazione estiva, sembrate procedere a strappi. Cosa ne pensi?’

R: ‘Una domanda alla Caressa. Io sono molto soddisfatto di come la squadra ha giocato. Stiamo lavorando insieme da poco più di venti allenamenti, dobbiamo conoscerci, sono convinto di allenare una squadra molto forte, quindi non concordo con la tua analisi. Avevamo contro una buona squadra, con tante individualità di spicco e abbiamo comunque creato occasioni da rete. Sulla questione del gioco, evito di risponderti, in quanto le definizione stessa di ‘gioco’ creerebbe notevoli difficoltà di comprensione. Sarri ‘gioca’ come Mourinho? Klopp difende come Guardiola? Farei difficoltà a spiegarti cosa significhi difendere la porta oppure la linea, allenare a difendere lo spazio o giocare sulle posizioni, o magari disporsi per attaccare in verticale. Io voglio far crescere i ragazzi, allenando le loro doti e potenzialità. Tra due mesi riparliamo del tuo ‘gioco’!!!

Infine, dopo i ringraziamenti a tutti voi che avete realizzato questo lungo articolo, che solamente in pochissimi riusciranno a leggere, saluto con la foto di un personaggio nostro amico, baluardo imprescindibile del Santa Sabina, che contribuisce a rendere migliore questo luogo, lavorando per la sicurezza di tutti i ragazzi, per il mantenimento di un livello altissimo in termini di servizi che offriamo e che ha sempre un sorriso per tutti.

IMG_2399

Il nostro mitico Bouassa…in arte e meglio conosciuto come Bois…’spogliatoio sgi..!!!!!’

Mister Andrea ‘Leonida’ Schipilliti, alla guida dei suoi Spartiati, inizia il campionato espugnando Perugia.

E’ stata sicuramente una bella partita. Forse non all’altezza della Battaglia delle Termopili, ma sicuramente un gran bel match quello disputato sabato tra i grifoni biancorossi del Perugia e i rossoblù Spartiati di Leonida Skip II. Era la nostra prima uscita ufficiale, dopo il Torneo di Pila, nel quale varie assenze ci avevano tolto il gusto di poter ufficializzare il nostro Esercito Rossoblù. Dopo aver dovuto riporre i nostri scudi, in quanto assegnati di riposo nella prima giornata del Campionato, i ragazzi di mister Skip avevano annusato l’adrenalina salire dalle viscere, la scossa elettrica scorrere nel proprio corpo, l’entusiasmo e l’emozione farla da padrone nel sapere di poter scendere finalmente in campo. Come già capitato in altri anni, ci troviamo di scena a Perugia, dinanzi lo Stadio dedicato ad un grande campione di calcio e sport, quel Renato Curi di cui proprio l’altro ieri ricorreva il 41° anniversario della morte, avvenuta in una maledetta domenica di pioggia. Lo Stadio Renato Curi appartiene a tutti noi, che riteniamo un privilegio potervi assistere alle partite dei grifoni, per cui giocare anche solo a ridosso del manto erboso che ha visto gloriosi giocatori calpestarlo ed un ragazzo di 24 anni perderci la vita, rappresenta per noi un motivo di orgoglio. Per evitare la concomitanza con il Luna Park, in piena azione, con Eurochocolate, alle battute finali, decidiamo di anticipare di qualche minuto la convocazione stabilita da mister Leonida Skip, con il risultato di arrivare prima del custode del campo! Ne approfittiamo per giocare, scherzare e far defluire il nervosismo che ci attanaglia, mentre attendiamo l’arrivo dei nostri rivali, che in pochi minuti si presentano sfoggiando le divise biancorosse. Noi li osserviamo, mentre ci sistemiamo a ridosso del muretto, come in un telefilm in voga nei primi anni novanta.

IMG_2163 2

I ragazzi sono molto tesi, lo si nota dai tanti piccoli atteggiamenti con i quali provano a superare il momento, in parte riuscendoci, ma è solamente quando mister Skip chiede ai ragazzi di imbracciare la sacca e di dirigersi verso lo spogliatoio che i volti si distendono automaticamente. Lo spogliatoio è lontano e i passi sul ciottolato muovono l’aria quel tanto che basta per capire che qualcuno sta camminando velocemente. Entriamo nel grande stanzone a noi adibito, un po’ troppo baldanzosi e sarà il primo richiamo di giornata di Leonida Skip. Le esatte parole non le riportiamo per scarsa memoria, ma la sintesi è più o meno questa: ‘quando si entra nello spogliatoio, dobbiamo farlo pensando già a cosa fare, perchè se ci pensiamo una volta usciti, sarà troppo tardi. Chiaro?’ Un buon inizio. In silenzio i ragazzi cominciano il rituale della vestizione, uno dei momenti più importanti della giornata, sotto l’occhio attento di mister Skip. Abbiamo iniziato l’articolo dicendo del nostro amore di tifosi per il Perugia, ma ciò non ci impedisce di fare una sottolineatura, anche se negativa. Dopo una semplice occhiata, riteniamo il campo da Paddle troppo grande rispetto alle misurazioni standard. E ci chiediamo se dirlo in modo diretto oppure fingere di non essercene accorti e giocare ugualmente.

images

Permetteteci di scherzare su argomenti frivoli come il calcio, ma volendoci togliere un sassolino, torniamo seri e decidiamo di mostrare una semplice immagine.

IMG_2166

La porta è piccola, il campo strettissimo, che corre lungo la linea immaginaria dell’area di rigore, circa dieci-dodici metri in meno del dovuto, quantomeno dell’usuale. Ci stupisce questa decisione, che impedirà ai ragazzi di potersi divertire, perchè meno spazio con diciotto giocatori, significherà meno possibilità di dribbling, passaggi, tiri in porta. Non ne facciamo un dramma, ci spiace e ci preme evidenziarlo, sapendo che queste parole non cambieranno la composizione del campo per le prossime partite, ma ci convince delle nostre ragioni di quando delimitiamo il nostro terreno di gioco in modo che i ragazzi possano divertirsi e dimostrare il proprio valore, e vale per noi e per i nostri avversari.

Rientriamo dentro il nostro spogliatoio per seguire le gesta di Leonida Skip. Il mister attende che i suoi ragazzi sistemino la divisa, chiudano la sacca e si siedono in panca.

IMG_2167

Il nostro Capitano Matteo Tarantino, decide di darsi un pizzicotto per svegliarsi, mentre Bip Bip Andrea Papi puntualizza con Nicolò Broccatelli posizioni e marcature.

IMG_2168

Inizia il via vai verso il bagno, per evitare di doverlo fare in campo, cosa che accadrà comunque!!!, e un soddisfatto Filippo Mattioli ritorna a sedersi in attesa delle raccomandazioni del mister.

IMG_2180

Jad è pronto per ascoltare il mister, così come Aladino, seduto al suo fianco. Leo Fifi sembra aver ceduto a Morfeo, ma è solamente un impressione, perchè da lì a breve Filippo Mattioli gli assesterà una gomitata tale da rinvigorirlo prontamente. Il Cassio è come sempre pronto alla battaglia. Il Cassio, per la verità, è sempre pronto.

IMG_2179

Una new entry, Riccardo Fiorentini al suo debutto assoluto con la squadra, sotto l’ala protettrice di Alessio Billorosso, il nostro Schuster d’annata.

IMG_2174

Il prode Dado, al secolo Davide Bartolucci, ascolta e osserva, mentre Frecciarossa Focaia comincia a pensare alle folate offensive che inizierà a fare una volta sul terreno di gioco. Stefy Manolas già in formato partita, Zucchero preoccupato della sua posizione in campo, Andrea concentrato e il nostro portiere, come dice mister Skip anche l’unico che abbiamo, pensieroso e speranzoso che gli avversari se ne rimangano rintanati lontano.

IMG_2169

Concentrazione che cala…..

IMG_2172

Beh…lo so…immagini cruente…difficile da digerire…

ma questo è il massimo del suo splendore…..!!!!!

IMG_2171

Una bella immagine. I nostri ragazzi, il nostro formatore, uno spogliatoio in ordine. Il migliore dei pregi di questa squadra, tale da rendere orgogliosi tutti i genitori: non solo perchè sono più o meno bravi di altri, ma perchè fanno dell’educazione l’arma vincente. Non c’è stata mai partita, mai ci sarà, nella quale questi ragazzi non hanno mantenuto altissimo il livello di rispetto e di educazione. Per un genitore il massimo che si debba pretendere a questa età. Complimenti ragazzi.

IMG_2177

Gli accompagnatori del gruppo. Quello a sinistra fa finta di fare, dire, immaginare tante cose. Quello a destra le realizza, con un senso di responsabilità nei confronti di tutti i ragazzi in modo davvero superbo. A Riccardo, a volte ‘leggermente’ bistrattato, vanno i nostri applausi per ciò che fa per i ragazzi. Nello specchio, sullo sfondo, il nostro formatore Andrea, più ‘gattusiano’ che ‘kloppiano’, ma di certo tanto appassionato verso ciò che fa e verso i ‘suoi’ ragazzi.

IMG_2181

Nicolò Panichella, meglio conosciuto dalle difese avversarie come Nick Piede Caldo!!!

Prima di uscire e iniziare la sfida, le ultime tattiche di mister Skip.

IMG_2176

I suoi due strumenti preferiti: il pennarello e la lavagnetta…

beh..magari da ricomprare eh…

E ora il quiz della giornata: che cosa vorrei dire con queste x? Caccia al tesoro? Macchina Enigma? Sono analfabeta? Dite la vostra e se indovinate vincerete un buono per una colazione al chiaro di Luna a Tropea….!!!!

IMG_2175

Dopo aver messo a punto la macchina, il mister decide che è arrivato il momento di uscire e iniziare l’attivazione. Nel frattempo i ragazzi del Perugia escono per riscaldarsi a loro volta.

IMG_2178

Siamo pronti, siamo vogliosi di correre, tirare due calci al pallone e soprattutto abbiamo tanta voglia di giocare e divertirci. Una volta che terminiamo l’attivazione, arriva il momento della nostra foto.

IMG_2184Siamo tutti per la prima volta, anzi con un amico in più in quanto Christian Baglioni si unisce alla foto, nonostante si ritenesse di troppo. Sbagliato carissimo Christian, perchè sei un amico, un compagno di squadra, uno di noi, proprio in virtù del fatto che rinunci ad andare al Luna Park, o a giocare con la play, o a fare qualsiasi altra cosa per restare con i tuoi amici, al freddo, ad allenare il tuo amico portiere Leonardo, segnando praticamente sempre (eppure ti avevo detto di tirare piano per non mortificarlo!!!) perchè il bello di questo sport è l’amicizia, lo stare insieme, il sentirsi tutti parte di un qualcosa. Per cui non dire mai più che tu non c’entri con la foto. Tu fai parte di ciò.

Per tutti è l’inizio di qualcosa, per i ‘vecchi’ della squadra, per Jad, per Nicolò e Riccardo, per tutti i genitori che con passione, entusiasmo e sensibilità sono in tribuna, pronti ad applaudire i propri figli, i compagni dei propri figli ed anche gli avversari, perchè sono ragazzi che giocano nello stesso campo, con la stessa passione.

IMG_2190

L’applauso, in questo caso, è tutto per voi.

I ragazzi scalpitano, scaricano tutto il nervosismo sul terreno di gioco e finalmente ci si avvia verso il centro del campo. Si inizia.

IMG_2186

Parte il cronometro, la palla si muove, si comincia a fare sul serio. Per così dire. Dopo aver iniziato la stagione con un cambiamento di modulo rispetto al 3-4-1 dello scorso anno, passando ad un avveniristico 3-3-2, anche stasera mister Leonida Skip stupisce i giornalisti variando ancora, passando ad un rombo di centrocampo, con i due vertici e i due laterali a sostegno delle transizioni offensive e difensive. La squadra rossoblù si muove con intensità cercando di scrollarsi di dosso le tossine dell’inattività, ma il Perugia blocca bene ogni ripartenza, abbassando la mediana e chiudendo i varchi esterni. Il terreno ridotto completa l’opera difensiva, facendo sfruttare ai grifoni la densità ordinata sui venti metri finali. A completamento dell’opera l’ottima prestazione dell’estremo perugino, capace di respingere, bloccare, rinviare tutti i palloni che arrivano dalle sue parti. Il Perugia prova anche ad imbastire qualche azione di ripartenza offensiva, ma la retroguardia rossoblù sventa ogni pericolo. La velocità di Matteo Frecciarossa Focaia prova a scardinare la fascia destra, così come le incursioni centrali di Jad, le imbucate di Nick Piede Caldo, i cambi di ritmo di Ale Schuster. Il mancino di Matisse Dado dipinge cross pennellati alla perfezione, ma ci manca l’ultimo miglio. Stefy Manolas e Bip Bip Andrea spingono in fascia a supporto dei compagni, con Filo ‘Harry Potter’ Zuccherini a suprema protezione di Hogwarts, lasciando a Leo solamente il gusto di scandire suggerimenti e consigli. La gara è fatta dai rossoblù, che alla fine del tempo faranno segnare un possesso palla superiore ai biancorossi, ma il punteggio rimane ancorato sullo 0-0.

IMG_2189

Un discorso a parte meritano gli Shootout. Li vinciamo noi, con un totale di 11-4, ma non ci piace l’idea di tradurre in punti un semplice gioco individuale, che deve rimanere un divertimento, se vogliamo un miglioramento tecnico per chi tira e uno tecnico per chi para, ma senza aggiungere o togliere punti ad un risultato già di per se, fortunatamente, ancora inutile. Quindi non considereremo mai il punto aggiuntivo, che sia a favore o sfavore, nel computo del risultato.

IMG_2193

Inizia il secondo tempo con sette cambi. Entrano Breitner Cassieri in fascia destra e nel lato opposto Ricky Camacho Fiorentini, con Leo Fifinho Aldair in postazione centrale. Filo Skhuravy Mattioli testa d’ariete, con Nicolò Denilson Broccatelli a fare il diavolo a quattro in fascia e Sugar Harry Potter in lato destro. In mezzo al campo la fantasia di Aladino e la concretezza del Capitano Matteo Lahm Tarantino. Tra i pali, visto che non abbiamo altro, il solito Leo Hugo Gatti Alunni, già preoccupato dell’imminente gara d’atletica dell’indomani. La sfida segue lo stesso canovaccio del primo tempo. Attacchiamo con tutti gli effettivi, provando a far girare palla più velocemente possibile per muovere la difesa dei locali, ma non riusciamo a trovare l’imbucata giusta e quando la troviamo incocciamo il palo, su fucilata di Aladino, le mani del portiere su conclusioni a ripetizione di Sugar e del Capitano, le gambe dei difensori su azioni di Denilson Nick, e quando non troviamo ostacoli la palla sibila accanto al palo su tiro di Leo Aldair e supera di poco la traversa su conclusione di Filo Skhuravy, liberato al tiro da un filtrante del Tara semplicemente micidiale. Oltre metà del secondo tempo è trascorsa e aleggiano i fantasmi del non riuscire a segnare, anzi sono i grifoni con un paio di folate a far vedere i sorci verdi a mister Skip, impegnato a richiamare tutti  suoi giocatori. E’ il tredicesimo minuto quando Leo Hugo Gatti rimette palla in gioco verso Leo Aldair, che controlla la palla con l’interno destro, mentre il vento, diciannovesimo giocatore in campo, impazza e imperversa ululando a squarciagola. Leo Aldair avanza portando palla sull’asse centrale, quindi sterza repentinamente e appoggia verso Sugar Potter che orienta il controllo, avanza e alza la testa proprio nel momento in cui il Capitano Tara gli si para incontro. L’uno-due è praticamente scritto e il passaggio del Capitano è sulla corsa del nostro laterale che scende in fascia, e giunto appena oltre la linea corta dell’area di rigore, effettua un traversone rasoterra con la scritta, ben evidente, SPINGERE. Dall’altro lato Filo Skhuravy Mattioli impiega circa due secondi per capire che quel pallone è destinato a lui, a lui soltanto, e ci si avventa sopra come una faina dopo aver visto un rettile. L’impatto sulla palla ricorda il tocco dei giocatori di biliardo con la stecca, un semplice ‘stac’, ma talmente rapido da scivolare via tra le pieghe del vento. Vediamo la palla indirizzarsi verso la porta, con il bravissimo portiere biancorosso rimanere un attimo interdetto dalla velocità di esecuzione di Filo. L’urlo liberatorio sovrasta abbondantemente i suoni dei ‘Baracconi’ e l’abbraccio di tutti i ragazzi della squadra è l’immagine, persa dal cronista, più bella della giornata.

IMG_2192

L’inizio dell’azione del gol.

Gli ultimi sette minuti diventano particolari, con i grifoncelli che provano ad organizzare la riscossa, mentre i rossoblù continuano a spingere cercando il raddoppio. Ne viene fuori un batti e ribatti davvero intenso, ma le difese arginano gli attacchi e il risultato non cambia più. Riusciamo a far nostro il tempo aggiudicandoci il secondo punto della sfida, mentre i biancorossi rimangono fermi a quota uno.

I ragazzi si ritrovano a bordo campo, in attesa dei consigli di mister Skip, tutti pensando che sia in qualche modo soddisfatto dell’andamento della gara. I successivi due minuti si sviluppano non proprio in linea con i nostri pensieri!

IMG_2194Mister Skip: ‘allora ragazzi, non sono per niente contento di ciò che stiamo facendo, perchè possiamo e dobbiamo fare meglio. Leo devi aspettare prima di riprendere il gioco così da far sistemare i compagni, Riccardo devi abbassarti sulla linea di difesa, Cassio devi aprirti di più, Marsala non avere paura nel proporti in avanti, Papi non avere fretta nel giocare, Zucche il portiere gioca con noi, Billo fai palleggiare la squadra, Nick ogni tanto tira anche in porta, Aladino non hai ancora fatto un tunnel, Brocca parti largo e poi accentrati, Dado insisti e non mollare, Jad cerca l’imbucata centrale, Foca alzati, alzati, Fifi stagli vicino, Mattioli stai concentrato e Tara…ehhhhhh…si……uhmmmm….vedi di far gol, Zucche babbo la lista l’hai fatta?, Cri l’acqua e la sacca dei medicinali ci sono? E i palloni nostri? Christian li hai visti???

IMG_2195

Sono in panca, mister!!!!!

Dopo averne avute per tutti, il mister si sistema a bordo campo per l’inizio del terzo e decisivo tempo. Rimane in campo la squadra che ha chiuso la seconda frazione e proviamo a mettere pressione ai ragazzi di casa fin dalle primissime battute. Sfioriamo la rete con una giocata di Filo Skhuravy, poi al 4° minuto passiamo in vantaggio: impostiamo l’azione dal basso e Aldair Fifi sale palla al piede, per poi appoggiare su Frecciarossa Focaia, che stoppa la sfera di destro, si gira in un fazzoletto e in due secondi e lascia partire una sventola di destro che in pochi vedono, un po’ perchè è buio, ma soprattutto perchè è un tiro al fulmicotone che scivola sotto la traversa e s’insacca alle spalle dell’incolpevole portiere biancorosso. La rete esalta la nostra squadra e piega le gambe ai grifoncelli, stanchi per aver corso in lungo e in largo su tutto il campo, portando raddoppi continui a tutti i nostri giocatori. Lo sforzo comincia a farsi sentire e la linea difensiva si abbassa notevolmente, lasciando ai sette samurai che entrano a metà tempo la freschezza per colpire di nuovo. E’ Dado Matisse a pennellare in rete con il suo mancino una ribattuta del portiere, su incursione martellante di Stefy Manolas, puntuale come sempre, al quindicesimo minuto e ne passano altri due prima che Nick Zico Panichella suggelli la sua prestazione con un tocco vellutato. I ragazzi di casa sono stremati e proprio sul filo di lana, Jad Salah El Aissami timbra il suo terzo gol stagionale, spingendo in rete un pallone che danzava sulla linea di porta.

0064D160-6051-4A20-B6E0-607CA37CB9C8In definitiva una buona partita, nella quale c’è stato equilibrio per due tempi, pur evidenziando una maggiore pressione offensiva dei nostri ragazzi. Difficile oggi stabilire il Man of The Match, in quanto tutti hanno giocato abbondantemente sopra la sufficienza. Il televoto Sky ha scelto Matteo ‘il Capitano’ Tarantino, in quanto impiegato alla Lahm, ha giocato alla Thomas Muller, rifinendo e collezionando un paio di assist davvero al Bacio Perugina.

Le ultime due immagini di giornata le dedichiamo allo spogliatoio finale.

IMG_2197

In questa foto potete osservare i ragazzi che completano l’opera di ri-vestirsi, scambiandosi opinioni, mentre il mister in alto a destra se la ride da solo….mah!!!!!!!

IMG_2198

In questa lo sguardo di Christian è tutto un programma:

‘fortuna che non sto in mezzo a sta gabbia de matti!!!!!!’

Chiudo con una riflessione di Leo Alunni, che ho apprezzato particolarmente. Prestazione di normale amministrazione la sua, come sempre se va bene, mentre tornavamo a casa gli facevo una battuta del tipo: ‘beh, certo che non è male aver giocato cinque partite, quattro di torneo e una di campionato, e non aver subito neppure una rete in 160 minuti.’ E Leo di rimando: ‘pensa che difesa forte che abbiamo!!!!!’. Grande Leo…..

 

 

“La più bella partita dell’anno” (con scuse ai ragazzi del Madonna Alta)

S.Sabina-Madonna Alta 2-3
(Shoutout 7-9, 1-0 Antognarelli, 0-1, 0-0)
Santa Sabina, 27 Ottobre 2018

Impressioni

E’ visibilmente soddisfatto Mr Luzzatti all’uscita dal campo dei suoi ragazzi.

Lo è in realtà, ogni pausa tra un tempo e un altro.

Sono gli occhi del mister, quelli: occhi che disegnano linee, geometrie immaginarie sul campo, osservando l’ideale sovrapposizione con i movimenti dei suoi ragazzi.

E l’ha trovata, l’ha visualizzata. L’ha vista…(quella sovrapposizione perfetta)

Non è facile, anzi direi che non lo è per niente per questi ragazzi, quella matematica del campo, quella geometria così strana, semplice e pura.

Ragazzi dalle abilità, com’è naturale, estrememente eterogenee, dalla statura fisica che va dal “colosso” allo “gnomo”, ciascuno con i suoi spigoli caratteriali (a volte decisamente troppo marcati, ma tant’è); ragazzi che si affidano alla propria personale forma di talento e il segreto sta nell’opera che deriva dalla capacità di cucire insieme quelle abiltà mettendole al servizio del gruppo; ragazzi che escono dal campo avendo dato l’anima, chi riuscendo più, chi meno, chi con qualche soddisfazione personale chi no, ma tutti coscienti che conta davvero solo una cosa: l’impegno che ci potevi mettere…ce lo hai messo tutto.

Credo sia un po’ tutto questo che abbia reso Il-Mister-Burbero così visibilmente soddisfatto e smanioso di comunicare quella soddisfazione, immediatamente, ai suoi ragazzi.

I suoi. Li chiama sempre così “I miei ragazzi”, fin dal primo giorno, più di un anno fa. E’ geloso di questi ragazzi, lo è del suo lavoro per loro e con loro; è curioso di vederli giocare per capire quanto di ciò che pensava di avergli trasmesso, sia davvero “passato di mano in…piede”. E’ smanioso di scendere in campo con loro. Il più possibile. Nell’idea di Mr Gigi, i ragazzi dovrebbero giocare sempre. Sempre. Diciamo, il più possibile. Per imparare; e perché…si divertono. Ogni impossibilità, dalla mancanza di un campo a quello del tempo, lo innervosisce e incupisce.

La sua filosofia calcisticamente stakanovista, così, tra parentesi.

PHOTO-2018-10-30-21-51-18

La partita (in estrema sintesi)

I “Ragazzi Terribili” di Gigi sono questo weekend al terzo appuntamento calcistico, il secondo ufficiale dopo quello in casa del Magione.

Quest’anno si gioca 9vs9: stiamo diventando grandi. Il campo si è allungato, le porte allargate. Siamo un bel po’ di più in quel rettangolo ma quanto tocca correre, mah!

Sono cambiati i ruoli e i meccanismi sono tutti da assimilare. In questi primi passaggi intravediamo il barlume di qualcosa di bello che sarà prima o poi… Siamo sicuri che sarà, cmq o prima o poi.

Aspettiamo, in casa, i ragazzi del Madonna Alta: una squadra -ci raccontano le esperienze degli amici rossoblù (i nostri amicissimi 2007 in particolare) che l’ hanno già incrociata- “molto forte, ben organizzata, con individualità di spicco”. E si rivelerà esattamente così. E Grazie Cristiano! 🙂

Per il Primo dei tre tempi, il Mister opta per lo schema di “studio”, quello più accorto che poggia sulle solide fondamenta della difesa a 3 e mono-attaccante; a centrocampo la costante del “rombo”.

Il regolamento richiede quest’anno che le prime due frazioni siano precedute dal gioco di abilità tecnica, i famosi (e famigerati) Shootout, che eseguiamo in maniera più timida rispetto ai nosti compagni di gioco in giallo e fissiamo sul parziale 2-4.

Per la prima frazione, linea difensiva affidata a Greg, Filo e Ale; in attacco torna Luke dopo l’esperienza come cursore di destro; a centrocampo, Tommy e Fedy svolgono rispettivamente i “lavori” di mediano di spinta (e copertura) e finalizzatore con ai lati Jack a sx e Anto a dx. A difendere i pali sempre e solo lui: SuperSaba

I primi dieci minuti sono davvero tosti; i nostri sono guardinghi, non si fidano e purtroppo si schiacciano troppo lasciano l’iniziativa totalmente nelle mani dei Gialli che riescono anche ad andare in rete su un’inertezza in uscita in zona di dx: la rete è però annullata per evidente offside.

Da metà frazione la musica cambia: i ragazzi intuiscono che la spinta propulsiva delle fasce non produce effetti, infrangendosi sulla maggiore velocità degli omologhi e si prova per vie centrali. Il gol di Luke, all’11°, nasce da un batti e ribatti nella tre quarti con palla che Fedy riesce a far pervenire al limite: la stoccata di pirma intenzione nell’angolino basso alla sinistra del portiere lascia di stucco il loro estremo difensore e un po’ tutti. Non ce l’aspettavamo.

Là dietro Alessio e Greg alzano la diga, supportati da tutti gli uomini di centrocampo; ma in questa prima frazione e Fili che sale sugli scudi con un paio di tempestivi interventi a spezzare i contropiedi avversari. Mostruoso l’intervento in corner del Saba a togliere la palla dall’angolino alto su un violento tiro da fuori. Credo stia ancora volando…

Portiamo a casa la prima frazione per 1-0, esattamente come a Magione.

Secondo turno di Shootout ma stavolta siamo più convinti. Termina purtroppo 5-5 e non basta. il risultato complessivo della prova tecnica è quindi 7-9 con il Madonna Alta che quindi ristabilisce la parità.

Nella seconda frazione il Mr abbandona la sperimentazione del più dinamico ma più spregiudicato modulo 2-4-2 (utilizzato per i secondi tempi delle precedenti partite) riconfermando il più solido disegno del primo tempo. Modulo 3-4-1 che confermerà anche nel terzo tempo.

Difesa affidata a Lore, Fili  e Ale; centrocampo totalmente rinnovato, con Anto mediano, Luke mezzapunta e Gabry e Thomas cursori; in attacco BomberCava.

Siamo più mobili adesso e rinunciamo ad una fetta di tatticismo nell’intento di sfruttare le caratteristiche del nostro vertice che là davanti si da da fare costantemente nell’uno contro tutti, riuscendo in un paio di occasioni a liberare l’uomo di fascia o di centrocampo. Le squadre, col passare del tempo e con il sopraggiungere della stanchezza, cominciano inevitabilmente ad allungarsi…

Purtroppo, il gol in contropiede che subiamo al terzo su una velocissima ripartenza da parte loro si rivelerà decisivo: il gomito a gomito in velocità per metà campo tra Alessio e il loro numero 10 è epico; il contrasto non riesce però al nostro magicboy e il 10 va al cross che trova il compagno libero appena dentro l’area; ci mette una pezza SuperSaba con una parata d’istinto incredibile ma nulla può sul tap-in.  Non è però una doccia fredda, perché riusciremo a giocarci tutto il tempo a viso aperto, purtroppo invano, ma solo ai fini de mero risultato.

Pregevolissima la verticalizzazione che per vie centrali e facendo perno su LoreCava porta Thomas a tu per tu col portiere che compie il miracolo e ci condanna alla sconfitta nella frazione. Ci proverà anche Luke da fuori in un paio di circostanze ma senza fortuna.

Il Terzo Tempo vede a riposo Anto e Filo, mentre gli altri ragazzi si intercambieranno in campo. Sarà il tempo più tattico con i due portieri impegnati entrambi in due miracoli. Quello del bravo portiere del madonna alta davvero ci strozza l’urlo del gol in gola deviando uno splendido tiro del Cava che lo vedeva già lì, nell’angolino basso alla dx del portiere. Peccato.

Si chiude 0-0 che poi complessivamente fa 2-3. Non fa niente, anzi…

Uno per tutti, tutti per uno 

Saba: ha del miracoloso, per davvero, e ci lascia ogni volte senza parole. Almeno due interventi anche in questo match che sono due capolavori. Lore S. è davvero un uomo in più e garantisce alla squadra, in particola modo alla difesa, di giocare in tranquillità. Alle spalle c’è lui, supermen, che…per fortuna ce lo abbiamo noi, in Umbria.

Greg: partita solidissima del gigante buono che copre brillantemente sempre le spalle a Jack. Buonissime un paio di ripartenze in verticale che Greg è maestro a innescare. Si prende il meritato riconoscimento il giorno dopo, quando è chiamato a dare una mano ai suoi amici guidati da Mr Pinchi, con un fendente dal limite “alla Greg”. Bravissimo!

Lore Sg: il modo in cui Lorenzino si è unito quest’anno al gruppo è davvero esemplare e mette semplicemente in evidenza le caratteristiche proprie del ragazzo, prima che del “calciatore”. Lorenzo è serio, preciso, ordinato, umile, determinato a dare il massimo contributo ai suoi compagni. Rinnova la prestazione della prima gara con un’altra bella, pratica e pulita. Continua così Lorenzino!

Fili: Impressionante il Filippo di questa partita. Benché in generale sempre pronto, le ultime gare lo avevano fatto uscire un po’ affaticato dal confronto col nuovo campo. Torna ad essere semplicemente maestoso con quei 3-4 interventi pulitissimi in “incontro” a spezzare le iniziative avversarie che ti fanno tirare quel sospiro di solllievo di cui hai spasmodicamente bisogno in quel momento. Chirurgico nei tempi di intervento.

Ale: I tempi di intervento del gruppo 2008 li ha inventati in realtà  lui, il nostro Tony Manero. In questo passaggio è incaricato di coprire le sapalle ad Anto in particolare e a provare la migliore verticale in uscita. Inutile dire che fa tutto straordinariamente bene.E’ chiamato a ingaggiare una personale partita nella partita con il loro velocissimo 11: contiamo almeno 4 recuperi a 100 all’ora, con Ale che si fa 40 metri tutti di un fiato, gli sradica la palla dai piedi, e mentre tu pensi, applaudendolo, che adesso stramazzerà al suolo, lo vedi aggiustarsi un attimo il capello e col suo sorriso beffardo sembra dirti: guarda che quello stanco sei tu, eh. Si lascia fregare dal loro 10 sul contropiede del gol e quella è lunica sbavatura di una partita sontuosa: ma ci rivedremo, firmato Tony Manero.

Gabri: Le fasce sono off limits in questa partita e Gabry prova più volte a trovare fortuna per vie centrali non riuscendoci. Deve fare un grand lavoro sporco andando a recuperare palloni in tutto il settore di sinistra nel tempo e mezzo in cui è impiegato. Nel marasma di quella fascia in quel momento, gli scappa la lepre (il 10 di cui sopra) che poi Cofo prova a cacciare, invano; unico neo di una partita cmq buona.

Jack: E’ indiscutibilmente il più in forma in questa prima parte dell’anno ma non riesce a ribadire l’esaltante prestazione di sabato scorso a Magione, condita con un bellissimo gol. Qui deve combattere con avversari di reparto che sono più fisici e veloci e non si passa né si riesce a convergere verso il centro per la famosissima sterzata-pispola, qualcosa un po’ alla Robben ma con l’altro piede. Il suo contributo di pressing con o senza palla al piede è cmq preziosissimo per portare alta la squadra e farla respirare.

Thomas: E’ quello che tra gli schierati in fascia riesce a interpretare meglio la partita e a rivelarsi più erfficace e pericoloso: e questo denota la crescita continua e la forte determinazione di questo ragazzino. Riesce ad arrivare per ben tre volte alla conclusione: due senza velleità ma la prima di queste meritava il gol, giusto premio per lui ma soprattutto a coronamento della più bella azione della partita. Peccato.

Fedy: Partita faticosa per il nostro “pennellatore mancino” la in mezzo dove gli spazi sono chiusi e non c’è il minimo respiro per un filtrante. Va a corto di fiato, dopo un po’, nella battaglia, ma è dal suo piede che passa il rimpallo/passaggio che si rivela l’assist più perfetto per il gol di Luke. Il timbro sulla partita…c’è.

Tommy: E’ la partita del ritorno. “The Gladiator is back”. E’ la partita che esalta le sue qualità da combattente e  per Tommaso è un invito a nozze. Si tira su le maniche e si butta nella mischia sgfomitando, lottando, correndo, facendo diga all’iniziativa là dove comincia a concretizzarsi. Non si risparmia mai ed è una bellezza vedere quanta passione ci metta, sempre.

Luke: Vuole il vertice, rivuole il gol e trasforma questa partita in qualcosa di personale. Ha fame, sete, ha tutto, vuole tutto e lo ottiene. E’ un leone appena uscito dalla gabbia e con questo spirito cerca di imprimere il suo messaggio sulla partita. Ci riesce alla sua maniera; di cattiveria, di istinto, di prima. GoLuke!

Cava: E’ in giornata, è in gran forma e si vede. Tra l’altro è il giorno del suo decimo compleanno ed è capitano e bandiera della squadra per l’occasione. Le cose più belle di questa partita passano per i suoi piedi: la verticalizzazione per Thomas e la costruzione del tiro per il quasi-gol alla fine sono due perle in una partita davvero notevole di bomberLore. Ancora auguri Lore e complimenti, ottima prestazione.

Anto: Il ritorno in fascia destra dopo quasi un anno non è indolore per il biondo furetto. Passa i primi 10 minuti a cercare di ricordare i movimenti di base del cursore di fascia e pian piano entra in partita. Le cose migliori le fa da mediano alle spalle di Luke, da incontrista ma soprattutto quando riesce ad innescare un paio di contropiedi lanciando il compagno di turno di mancino, a bruciapelo. Tutto fa esperienza Anto, con calma…

Mr Luzzatti: trova le parole giuste negli spogliatoi prima della partita e organizza al meglio la sua squadra in campo. Sia in questa che nelle precedenti, indipendentemente dai singoli risultati. Da gusto vederlo mettere su…lavagna ciò che si aspetta dai ragazzi. Da gusto perché…beh…rimando al “cappello” di cui sopra senza aggiungere altro.

Conclusione

Mr.Luzzatti. “La più bella partita dell’anno”

Tommaso, affannato: “Eh beh Mì (che sta per Mister) n’em giocate solo 3!”

Mr Luzzatti: “La più bella partita…dell’ANNO…SOLARE, intendevo!

Tommaso, sempre affannato: “Ah…beh…se lo dici tu”

Mr Luzzatti: “Bravissimi Ragazzi, bravissimi davvero”

Già. Davvero. Bravissimi Ragazzi.

Tutti.

Post Scriptum, anzi…prima di tutto

Mi voglio, anzi devo, scusare il mister, l’accompagnatore, i genitori e i ragazzi del Madonna Alta. Gli avevamo promesso il Terzo Tempo e, all’uscita dalle docce, non l’hanno trovato. Non era pronto. I nostri ragazzi sono molto lenti e noi stiamo ancora affinando l’organizzazione di quest’annata. C’è stato un difetto di comunicazione tra gli spogliatoi e il gruppo genitori e ci siamo fatti trovare impreparati e fuori tempo massimo. Scusateci: abbiamo fatto involontariamente, imperdonabilmente tardi.

Così come il Palio di Siena, i Mitici 2008 di corsa, rincorsa e sbimboccia!!!!!!!!!

Aggiungi 70 posti a tavola. 

Cena di Gruppo 2008,

Santa Sabina, 26 Ottobre 2018.

In realtà 71.

ec39e7dd-4bfe-49ca-bbd0-0706ffc78e17E’ fissato per 26 ottobre il D-Day (Dinner Party Day) per il gruppo 2008. Appuntamento epocale, chiaramente, che si prova a rinnovare ogni anno. Per stare insieme, tutti, fuori dal campo, senza un pallone da guardare o seguire con gli occhi: solo cibo, vino, amicizia e lo schiamazzìo divertito dei nostri figli, intorno, dappertutto.

fbdd3b0a-4ec0-4add-87f6-ca7d9a891015In Coccinella.

20e51b25-3af8-403e-8ce0-a6322d586cc9Abbiamo deciso che dovesse essere dopo un allenamento, per non aggiungere altri “impegni” alle famiglie e perché beh…eravamo già tutti lì ad aspettare i nostri ragazzi all’uscita dalla doccia, stanchi e affamati. (intuizione magistrale di Georgiana e di chi altri sennò?). Sono le Ore 19:30.

43657fdf-c67d-4c50-9336-b24fe0d36bebStanchi in realtà non lo sono mai abbastanza e così l’attesa tra la doccia e la cena diventa un ulteriore “tempo” in campo, in assoluta autogestione. Il campo B a 5 viene preso d’assalto insieme a quell’unico pallone fuoriuscito chissàccome da un qualche borsone: all’arrembaggio!!!

0970b378-177a-4d7a-bc71-6364c7d0db21Nella zona cucina le mamme sono già al “lavoro” dalle 17:30, così come i fuochisti, lì al barbecue: Maestro Florian ed Eugenio.

47ed6254-0736-4999-be96-050028e12f18Si parte con un sontuoso aperitivo a base dell’ottimo vino dell’Oste Badaloni, al secolo Andrea: un rosato in dama da 5 litri “produzione autoctona e propria” (“Lo facciamo proprio noi!”) che impieghiamo non più di 20 minuti a definire buonissimo e dichiarare finito. Combiniamo la mescita del medesimo con un paio di prosecchi, per i palati VIP, più fini e delicati e per alcune madame decisamente più inclini alle moderne bollicine. Si sprecano i brindisi ai nostri ragazzi, tra patatine, noccioline e bruschettine, inutile dirlo…

Alle spalle dei…bicchieri e delle mani alzate, c’è chi invece lavora sodo nella “zona pasta” con “MasterChef” Peppe che gestisce cuoche e cuochi. BBQ Florian, fuori, cuoce kili su kili di gustosissima carne: quello sfrigolare è una vera e propria…ode al maiale.

In Coccinella si fa spasmodica l’attesa dei ragazzi che cominciano a mostrare le fauci: l’autonomia è evidentemente finita dopo aver dato il 200 per cento in campo. Attendono i Pennoni all’Amatriciana e i ragazzi capiscono immediatamente che l’attesa ha più a che fare con un rito religioso preparatorio che con un ritardo sui loro tempi.

Avete mai assaggiato l’Amatriciana di Peppe Cofone?

e592c5f0-3802-4d9c-aa9e-c8de73e378a0Per chi volesse fregiarsi della coccarda e salire nell’olimpo di coloro che hanno superato l’ignoranza gastronomica, sappiate che esiste un luogo chiamato “Zucchero e Sale”, in quel di CaseNove di Ponte della Pietra, in cui sapienti mani realizzano un’Amatriciana (ma anche una Carbonara…e tantissimo altro) che è in procinto di diventare patrimonio dell’Unesco. Poi non dite che non ve l’ho detto…eh…tra una riga e un’altra…;-)

Era…straordinaria, sublime. Si registrano svariati “bis” e qualche tentativo di “tris”. Qualcuno (sguardo indifferente…) manda la consorte a prendere il piatto successivo, altri si trasformano in marines pur di arrivare per l’ennesima volta al traguardo del pentolone pieno di bontà. I ragazzi si “leccano i baffi” e sono tutti d’accordo che sì…era buonissima.

I complimenti a MasterChef Cofone passano per le orecchie del figlio Alessio, pilastro della difesa in campo, brillante istrione fuori dal medesimo. A casa: “Papà sono fiero di te”: la sintesi di ciò che certi genitori sanno trasmettere con l’esempio della passione. E del voler bene.

Arriva la ciccia che le mani e l’attenzione di Super Florian hanno valorizzato al meglio: abbiamo il “mago della griglia” e ce lo teniamo strettissimo, noi 2008.

Proviamo ad aggiungere un tocco di verde con quintali di insalata mentre in tavola alterniamo un Montepulciano ad un Nero D’avola. Qualcuno sostiene che ci fosse anche dell’acqua ma in questo momento non mi sento sicuro di confermare…

E poi chiaramente…”DOLCIS…in fundo”. Tatiana e AnnaMaria, prime pasticciere di BakeOff Italia, hanno ancora una volta messo le mani in…pasta sfoglia e non solo. Delizie per i nostri palati e corpi, in evidente stato ipoglicemico alla sola vista dei quello strudel e quella panna cotta. Giungono i caffè e gli ammazzacaffè e davvero appare tutto perfetto.

2b75c32f-39e6-432e-9aed-0f08249e015aIl gruppo 2008 ha ormai più di un lustro di vita sociale a santa sabina ed è costituito da 25 bambini complessivamente, quest’anno. 71 partecipanti ad una cena è un numero enorme, per noi. Abbiamo sfiorato il “tutto esaurito” e un pensiero e un abbraccio a chi non ce l’ha fatta a venire lo inviamo anche attraverso queste righe.

Queste occasioni, come i Terzi Tempi post-partita, sono le occasioni di maggior valore, quelle che contano davvero. Quelle che assumono il calcio come occasione e come…pretesto, per portare fuori dal campo un modo diverso e più completo di stare insieme. Di vivere il gruppo e magari l’amicizia.

b080c92f-8fd0-427b-b093-fb1ed220a85cUn ringraziamento va alla società che ci ha messo a disposizione Cucina & Coccinella, la location per l’evento insomma.

Grazie a tutte le mamme che sanno come muoversi e come fare, mentre noi papà chiacchieriamo e beviamo.

Grazie in realtà anche a tutti i papà, per il contributo diverso di ciascuno e per le braccia messe a disposizione per il trasporto tavoli e panche.

Grazie per la sorpresa di esser venuti al mitico Super Mario e all’”Ingegnere” Bruno.

Grazie a Mr Pinchi per la presenza e per i brindisi.

Grazie ancora, sempre, a Georgiana senza la quale -e mi ripeterò anche questa volta- tante cose non sarebbero possibili.

Grazie a tutti per la disponibilità e per la voglia di esserci.

5c6fa68b-5a86-477f-a434-a8ee8831cbbbUn grazie speciale ad Andrea (l’Oste Badaloni) per quel gol salvato con tuffo plastico a terra, sul duro della Coccinella, sul tiro di qualche figlio: vedere un papà in mezzo ai ragazzi alle ore 23 che si tuffa per afferrare una palla in una porta immaginaria, tra il divertimento di tutti, è una immagine bellissima e preziosa di questa serata.

Bella perché semplicemente…INSIEME.

Grazie al nostro due volte Premio Pulitzer Vincenzo Iannotta, per l’articolo, le foto, la cura maniacale dell’App, che è diventata il fiore all’occhiello della nostra società, con tantissime sorprese, dati, racconti, utilità e via dicendo.

7a4f0666-f4b3-4752-85ff-b5679decae8cAggiungo, in attesa del suo consueto articolo, atteso e sempre bello da leggere, due parole sui ragazzi della squadra di mister Gigi le anticipiamo. Match molto atteso contro il Madonna Alta, squadra molto forte, ben organizzata, con individualità di spicco, lo scrivevamo già lo scorso anno e lo ribadiamo. La gara ha confermato le attese, con un equilibrio pressoché perfetto, in tutti e tre i tempi così come il risultato dimostra. Prima frazione di gioco, con i rossoblù di casa abili ad allargare il gioco per aprire la difesa arancione, creando pericoli centrali e con la difesa ospite abile a rintuzzare le offensive. Solo un guizzo del bomber Luca Antognarelli permetteva ai rossoblù di far proprio il tempo con l’1-0 definitivo. Secondo tempo veemente da parte del Madonna Alta, ben organizzato nel palleggiare e far girare la sfera, riuscendo a imbrigliare il gioco dei locali e riuscendo a capitalizzare la mole creata siglando l’1-0 con il quale rimetteva in parità l’esito della sfida.

72953086-381c-414d-8ae7-3fddefe06296Volendo non considerare gli Shootout, idea carina se ben organizzata e non svolta in fretta e furia, appannaggio degli ospiti per 9-7, la tensione che attanagliava i ragazzi nel terzo tempo era palese. La tattica saliva in cattedra, i ragazzi giocavano con maggiore attenzione e le difese riuscivano a prevalere in tutti i contrasti. Il finale di 0-0 era l’esatto metro di giudizio per quanto visto in campo.

161cdddc-101e-4165-977b-a8c6b8c71b06

Una giornata di perfetto sport, con due squadre in salute e gli applausi scroscianti di tutti i genitori per i protagonisti in campo. Davvero bravi tutti………

2802d27c-0c0f-46e0-a795-3d5806ff38682802d27c-0c0f-46e0-a795-3d5806ff3868

Il Capitano Lorenzo Cavalaglio, festeggiando i suoi 10 anni. Grande Lori….